Come Facebook aiuta le startup e perché Zuckerberg ci ha scelto

0
923

Tra le cinque startup italiane scelte da Facebook per il suo programma di accelerazione e supporto (FbStart, https://fbstart.com/) c’è Karaoke one, l’App pensata per chi ama cantare, ideata da Antonio Vecchio, Chiara Parato, Marco Grasso, Giovanni Parato e Domenico Rosito.

Millionaire ha incontrato Antonio, 30enne, laureando in ingegneria informatica, che ci racconta la sua startup e i vantaggi di FbStart: «È un programma che offre alle startup strumenti gratuiti per un valore di 80mila dollari (tra i partner Adobe, Hootsuite, Salesforce…). E l’opportunità di chiedere aiuto a manager, ingegneri e partner di Facebook, attraverso eventi, webinar, email. Nato nel 2014 ha distribuito 100 milioni di dollari a 3.800 startup» spiega Antonio a Millionaire.

Come avete iniziato?
«Da una passione comune. Tutti nel team amiamo cantare. E da una serie di eventi che ci hanno portato a costruire il team attuale. Ho conosciuto Giovanni e Chiara all’Università di Lecce. Poi da lì la squadra si è allargata: è entrato Marco, direttore d’orchestra, e Domenico che ho conosciuto all’interno di un programma del Microsoft Student Partners, iniziativa per collegare studenti appassionati di nuove tecnologie».

Quando è nata l’idea di Karaoke one?
«Eravamo a Londra per un summit di Microsoft sul futuro delle applicazioni per la Xbox. Abbiamo pensato di crearne una anche noi. Avevamo il team e le competenze giuste. Siamo partiti da una passione comune, tutti amiamo cantare. L’idea era di creare un social network, dove registrare una canzone e postarla. Ma i costi di un social sono proibitivi. Allora siamo partiti in piccolo con l’App che ha 270mila download».

screen karaoke one 2

Come funziona?
«L’App si scarica gratuitamente. L’utente ha accesso a un catalogo di 160 brani. Canta, registra la sua voce e può condividerla sui social. Se vuole altri brani oltre i 160, passa a una versione a pagamento (da 0,99 centesimi per tre giorni, fino a 19,89 per un anno). Oggi siamo solo sullo store di Microsoft, presto la lanceremo versioni per Android e iOS».

Come l’avete realizzata?
«Una volta avuta chiara l’idea, abbiamo fatto domanda per entrare in Luiss Enlabs. Ce l’abbiamo fatta. Loro offrono 60mila euro in servizi. Nell’incubatore abbiamo trasformato una scommessa personale in una vera e propria startup».

Come siete entrati in FbStart?
«Abbiamo fatto l’application online e siamo stati scelti in cinque tra 100 startup italiane. I vantaggi per noi sono tanti, oltre alla visibilità, potremmo avere una spinta in più proprio oggi che stiamo lanciando l’App sugli altri store». INFO: http://karaoke-one.com/

screen app karaoke one

Le altre italiane in FbStart

Non solo Karaoke one, sono altre le startup italiane che beneficeranno del programma di Facebook. Ecco quali sono.

Whoosnapp. App che permette di richiedere e ricevere foto in tempo reale da tutto il mondo. Qui la loro storia: http://bit.ly/1NNZkog

Tutored. Servizio online che mette in contatto tutor che offrono ripetizioni per esami universitari con studenti. Ne parliamo qui: http://bit.ly/1J4NoxA

Verticomics. Idea di Enrico Deleo e Mirko Oliveri, due siciliani che hanno creato un’App che offre la versione digitale dei fumetti cartacei. INFO: https://verticomics.com/

Nextwin. Piattaforma pensata per gli amanti delle scommesse: compilano schedine e hanno statistiche aggiornate. L’hanno realizzata Luca Sicari, Alessandro Salvati, Enrico Giancaterina. INFO: https://www.nextwin.com/

INFO: https://fbstart.com/

Giancarlo Donadio

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO