Dalla Thailandia tornano in Puglia per vendere prodotti tipici online

0
1900

«Abbiamo avuto l’idea mentre eravamo in Thailandia, dove stavamo lavorando per Rocket Internet per lanciare lazada.com, il più grande portale di e-commerce del Sud- Est Asiatico. Ma abbiamo deciso di realizzarla in Italia, perché ci è sembrato che ci fosse molto interesse da parte degli investitori nei confronti del settore dell’ecommerce e dei marketplace legati al cibo» spiega Fabio Di Gioia, che con Mario Sorbo ha lanciato Foodscovery, un marketplace di prodotti alimentari.

Qual è l’idea di Foodscovery?

«Quella di riuscire ad avere accessibilità istantanea a prodotti autentici del territorio italiano. Esempio: la mozzarella di bufala la trovi al supermercato, ma se vuoi proprio quella di un caseificio campano doc la puoi ordinare tramite il nostro sito. Consegniamo in tutta Italia e in Europa. I nostri prodotti vanno dal culatello del salumificio di Soragna, in Emilia- Romagna, al cannolo siciliano della pasticceria di S. Agata di Militello».

foodscovery

Come funziona?

«Il cliente fa un ordine sul nostro sito, i singoli produttori lo ricevono tramite la nostra piattaforma e lo devono accettare entro 24 ore. Viene già data loro la bolla di accompagnamento, e lo spediscono al cliente. Il nostro guadagno è una commissione sull’acquisto. Non vendiamo noi né centralizziamo gli acquisti, ma facciamo da tramite».

foodscovery3

Come avete realizzato la vostra idea?

«Abbiamo messo 5mila euro a testa sul progetto. I primi tempi lavoravamo dall’estero, io a Monaco e Mario a Bangkok, gli sviluppatori erano a Foggia, la nostra città. Nel 2014 abbiamo partecipato a un bando (www.starthope.it) della Fi.R.A., finanziaria regionale abruzzese: abbiamo ottenuto 500mila euro e fondato la nostra società a Pescara».

Come sta andando?

«Gli ordini sono in crescita: ad aprile erano 100 al mese, a settembre sono saliti a 1.500. Gli italiani dedicano solo una piccola parte del loro budget all’acquisto di cibo online (lo 0,2% del totale degli acquisti di cibo), ma ci sono margini di crescita e gli investitori ci credono. Stiamo chiudendo un nuovo round e siamo fiduciosi».

INFO: www.foodscovery.com

Vuoi anche tu vendere cibo online? Ecco 6 cose che devi sapere: http://millionaire.it/vuoi-vendere-cibo-online-6-dritte-per-iniziare/

Tiziana Tripepi

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO