Il padre ha un ictus, il figlio inventa il guanto per la riabilitazione

0
1132

 

Esperienze che ti cambiano la vita. Hoyoung Ban è un giovane coreano che durante gli anni dell’università si ritrova il padre colpito da un ictus. Da quel giorno la sua vita cambia completamente. Altri due zii muoiono dopo un ictus. Ban diventa ingegnere e non smette di pensare come aiutare chi viene colpito da questo problema. La riabilitazione dopo un ictus è infatti lunga e costosa, e molti pazienti smettono prima del dovuto. Anno dopo anno, Ban sogna di cambiare il mondo.

NEOFECT CEO_Hoyoung Ban (2)

Nel 2010 trova un amico e socio specializzato in robotica, lancia la sua startup, fa un Master in Business Administration alla Darden School in Virginia (“volevo imparare tutto di come si crea un’impresa da zero”) e inizia a progettare robot. Ma si accorge subito di non essere sulla strada giusta: il robot è ingombrante e poco pratico. Per continuare a progettare, Ban e socio hanno bisogno di fondi. Cercano tra parenti e amici e raccolgono 30mila dollari. Poi partecipano a una competizione del governo coreano e vincono altri 120mila dollari. Si mettono al lavoro e inventano un guanto intelligente, si indossa, è connesso al web.

 

RAPAEL Smart Glove_Video Scene (13)

Si chiama RaPael Smart Glove. Grazie a una serie di video games, il paziente può muovere le mani e fare una vera riabilitazione, come lanciare una palla, versare un bicchiere d’acqua e spremere un’arancia. Ban ora si è trasferito in Silicon Valley, ha iniziato la commercializzazione del suo guanto. Vende agli ospedali americani (per 10mila dollari) e per i pazienti a casa (1000 dollari). Ban ora punta all’Europa. Sognando davvero di cambiare il mondo di chi deve fare i conti con un ictus.

Info: http://www.neofect.com/en/

Eleonora Chioda

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO