Impresa green: “Faccio l’orto sul tetto”

0
2200

Emanuela ed Elena, architetti piemontesi, costruiscono orti urbani sui tetti di condomini e aziende.

Città più vivibili e green. Risparmio energetico e riqualificazione degli edifici. Autoproduzione. Sono temi cari a Elena Carmagnani, 46 anni, architetto, ed Emanuela Saporito, 36, architetto e urbanista, con la passione per l’architettura partecipata e la gestione e la progettazione di orti urbani.

«Abbiamo costruito il primo orto sul tetto del condominio in cui si trova il nostro studio. Ma la cosa è possibile su tutti i tetti piani dei fabbricati, che diventano orti praticabili, spazi sociali e produttivi. Grazie a strati di materiali, i locali sotto sono climatizzati naturalmente, con abbassamento del picco di calore» racconta Elena.

«Mettere d’accordo i condomini su una spesa (100-120 euro al mq, contro i 60 di una normale impermeabilizzazione e pavimentazione) non è facile anche se il vantaggio fiscale è evidente: la spesa è detraibile al 65% come intervento per il risparmio energetico».

Se il mercato edifici privati non decolla ancora, quello degli edifici per uso collettivo si sta muovendo. Un esempio: l’orto sul tetto del ristorante, nelle ex fonderie Ozanam.

Come ampliare il business?

«Orti Alti possono nascere sui tetti delle aziende, che fanno scelte di immagine e di responsabilità sociale».

Grazie agli accordi con l’azienda della gdo francese, un primo orto Carrefour sorgerà sull’ipermercato di Nichelino (To).

Elena e Emanuela creano partnership con professionisti, assicurazioni, fondi immobiliari per portare Orti Alti in altre città.

INFO: www.ortialti.com

 

Da un estratto dell’articolo “25 idee per fare soldi” pubblicato su Millionaire di settembre.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here