Le 5 frasi più belle del discorso di addio di Barack Obama

0
3422
barack obama

Impegno, ottimismo e spinta al cambiamento. Ecco il messaggio di Obama agli americani.

Dopo otto anni, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama lascia la Casa Bianca e saluta gli americani in un lungo discorso al McCormick Place di Chicago, la città in cui festeggiò la vittoria delle elezioni nel 2008. Ha parlato ieri (la scorsa notte in Italia) di fronte a 20mila persone, ringraziando la famiglia tra le lacrime e incoraggiando gli americani a credere nel futuro e nel cambiamento.

Ecco le 5 cose che più abbiamo apprezzato del suo discorso.

1. Il tributo alla moglie Michelle

«Michelle. Per gli ultimi venticinque anni sei stata non solo mia moglie e la madre dei miei figli, ma la mia migliore amica. Hai assunto un ruolo che non avevi chiesto e lo hai reso tuo con grazia e grinta e buon umore. Hai reso la Casa Bianca la casa di tutti. E oggi una nuova generazione si pone obiettivi ambiziosi anche perché ha te come modello. Mi hai reso orgoglioso. Hai reso orgoglioso tutto il Paese».

2. L’orgoglio di padre

«Malia and Sasha, sotto le più strane delle circostanze, siete diventate due meravigliose giovani donne, intelligenti e bellissime, ma soprattuto gentili e riflessive e piene di passioni. Avete sopportato con facilità il peso di questi anni sotto i riflettori. Di tutto quello che ho fatto nella vita, la cosa di cui sono più orgoglioso è essere vostro padre».

3. La fiducia in se stesso

«Sono arrivato a Chicago quando avevo poco più di vent’anni, e cercavo di capire chi ero e cosa fare della mia vita. È stato in quartieri poco distanti da qui che ho cominciato a lavorare con i gruppi parrocchiali e a osservare il potere delle fede, e la silenziosa dignità dei lavoratori di fronte alle difficoltà. È stato qui che ho imparato che il cambiamento avviene solo quando le persone normali ne sono coinvolte e si uniscono per ottenerlo. Dopo otto anni da presidente, lo credo ancora. E non sono solo io».

4. La spinta al cambiamento

«Se siete stanchi di discutere con degli sconosciuti su internet, cercate di parlare con qualcuno di persona. Se qualcosa dovrebbe funzionare meglio, datevi da fare. Se siete delusi dai vostri rappresentanti, raccogliete le firme e candidatevi voi stessi. Fatevi avanti, fatevi sotto. Perseverate. Qualche volta vincerete. Altre volte perderete…Vi chiedo di credere in voi stessi, nella vostra capacità, perché il vero cambiamento siete voi… In questa città (Chicago) ho imparato che il cambiamento avviene solo se le persone s’impegnano e lo conquistano. I diritti non si realizzano da soli».

5. L’ottimismo

«lascio questo palco più ottimista per il nostro Paese di quanto fossi quando abbiamo cominciato. Perché so che il nostro lavoro non solo ha aiutato molti americani; ha ispirato molti americani, soprattutto i più giovani, a credere che ognuno può fare la differenza; a legarci a un destino più grande del nostro destino individuale. Non ho intenzione di fermarmi: sarò accanto a voi, da cittadino, per tutti i giorni che mi rimangono. Per adesso, che siate giovani o giovani nel cuore, ho solo un’ultima richiesta per voi. La stessa cosa di otto anni fa, quando vi chiesi di fidarvi di me. Vi chiedo di crederci. Non nella mia abilità di cambiare le cose, ma nella vostra… Yes we can, yes we did».

Il video integrale del discorso di Barack Obama:

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here