Microortaggi: opportunità in 10 passi

Come produrre microortaggi. Anche al chiuso e in città

0
3577

Microortaggi o microgreens, piccoli, preziosi. Per la salute e per il business. Ecco come produrli.

 

I microortaggi sono verdure nelle fasi iniziali di crescita, appagano gli occhi e in pochi centrimetri offrono bombe di nutrienti.

Fino a poco tempo fa s’importavano dall’Olanda: la scelta era ridotta ad alcune varietà, trasportate con mezzi refrigerati, perché il prodotto è deperibile.

Perché non produrli in Italia? Specie locali, in molte varietà, a km zero… Giovani imprenditori hanno intuito la crescente richiesta di mercato.

Sono nate, a distanza di pochi mesi una dall’altra, iniziative imprenditoriali, che stanno creandosi clientela e generando buone pratiche di produzione.

micrort-gustailbiodiverso-9

Come fare? Ecco i passi?

1) Studia.

Vedi cosa fanno negli altri Paesi, cerca on line. Una buona guida la puoi scaricare gratis dal sito www.gustailbiodiverso.com(sez. news). E sperimenta.

2) Cerca il posto adatto: serra?

I vantaggi sono quelli dell’irraggiamento solare, che migliora i nutrienti, l’aspetto dell’ortaggio, la sua carnosità e il sapore. I costi di allestimento sono tra i 150 e 200 euro al metro quadrato. Servono circa 250mila euro per allestire una produzione su 1000 mq.

3) Altro posto? Capannone o fabbricato rurale.

I micrortaggi non crescono in terra piena. È possibile coltivarli indoor. O in soffitta, su un tetto, in un loft cittadino. Con un’illuminazione adeguata, non serve il sole: i microortaggi prendono la loro energia dal seme. E nel laboratorio si fanno i necessari monitoraggi microbiologici. In ambiente sui 90 mq si può attrezzare con 15mila euro.

4) Attenzione all’igiene.

Sono possibili, perché batteri come la Salmonella e l’Escherichia coli, dannosi per l’uomo, possono contaminare germogli e microortaggi. Acquista sementi per i microortaggi, controllate batteriologicamente. Per maneggiare alimenti, serve l’autorizzazione Hccp e quella di operatore alimentarista.

5) E alla burocrazia.

Il settore e il prodotto sono nuovi e non ci sono normative specifiche. Se i prodotti sono venduti con substrato, la regolamentazione è quella riguardante la produzione di piante aromatiche in vaso o simili da utilizzare a scopo alimentare. Se parliamo del prodotto tagliato la regolamentazione è quella degli ortaggi di IV gamma.micrortaggi-2

6) Prepara l’impianto.

Tavoli, scaffali, con più ripiani, dipende dallo spazio disponibile. Recupera vecchie scaffalature. Un’area è riservata alla germinazione, il resto alla crescita delle piantine. Per allestire lo spazio, si può spendere una cifra tra i 25.000 e i 50.000 euro.

7) Fai luce!

Al chiuso, servono lampade. Lampade T8 fluorescenti oppure a led, più costose all’inizio, ma che permettono di risparmiare sui consumi. La fornitura di elettricità è una voce di costo importante, circa 300 euro in media al mese.

8) Produci e confeziona.

Le cestelle in pet costano 4/5 cent a pezzo. I prezzi scendono per acquisti in grosse quantità (10mila pezzi). Costi: 1000 euro per il packaging, circa 2500 per gli alveoli, dove crescono le piantine. Attenzione: scegli un logo e personalizza il packaging.

9) Stabilisci un prezzo.

Il business c’è. Una vaschetta di 100 piantine, costa al cliente 2,50, 3 euro. Sono 5/10 grammi di prodotto tagliato. Molto di più del normale ortaggio fresco. Idea del prezzo per vaschette nella Gdo, più piccole, 1-2 euro. Quelle più grandi, vendute in azienda, costano 3 euro. Quelle destinate a ristoranti, mercati, Gas e altre aziende agricole, 3-8 euro al cestino.

10) Organizza la distribuzione.

Un furgone o mezzo capiente è indispensabile. Vendi nei negozi specializzati, nella Gdo, ai ristoratori, ai catering. E nella tua azienda o nei mercati dei produttori. Cerca un distributore con furgoni attrezzati per mantenere il ciclo del freddo.

Da Millionaire ottobre 2016

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here