Biovecblok: il rivoluzionario insetticida naturale made in Italy

0
1247
Biovecblok

E’ nato come un progetto di ricerca,qualche anno fa a Boston, con il fine di studiare i batteri delle zanzare. Ad oggi è diventata un’affermata realtà di ricercatori nonché uno spin off della prestigiosa università di Camerino, in provincia di Macerata. Si chiama “Biovecblok”, la start-up che utilizza una metodologia completamente innovativa per la lotta alle fastidiosissime zanzare. Fondata nel 2016 da quattro giovani ricercatori – Aurelio Serrao, Claudia Damiani, Matteo Valzani e Paolo Rossi – la Biovecblok si avvale della preziosa supervisione del Professor Guido Favìa, direttore della Scuola di Bioscienze e Medicina Veterinaria dell’Università di Camerino e tra i massimi esperti in parassitologia. Il metodo è assolutamente innovativo: a differenza dei tradizionali antirepellenti, chimici e tossici per l’ambiente, i ricercatori di Camerino lavorano soltanto sfruttando molecole naturali, ad impatto zero ed economicamente sostenibili. Il laboratorio d’avanguardia nel quale si studiano gli insetti è dotato di camere climatiche, dove le zanzare vengono alimentate e monitorate nei loro comportamenti, e da vasche dove vengono allevate le larve. Il prodotto finale si rivolge su larga scala ai governi e anche ai singoli individui per l’ uso quotidiano. Il team di Biovecblok ha già ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui il terzo posto al Global Social Venture Competition alle World Final 2017 e la menzione speciale al Premio Marzotto 2016; con il progetto Atlas figura tra i vincitori del concorso E-Capital 2016. Biovecblok è stata anche selezionata tra le 20 migliori startup italiane che parteciperanno alla seconda edizione del programma B-Heroes, percorso di accelerazione di circa 8 mesi rivolto ad aziende ad alto contenuto di innovazione con sede operativa in Italia, che sarà raccontato in un format televisivo. Sempre nel 2019, dopo la campagna di raccolta di capitali nel 2018, è partita una nuova iniziativa di crowfounding sulla piattaforma Bactowork24 e basata sulla collaborazione con l’Istituto Enea per un progetto di eradicazione della zanzara tigre in Italia  attraverso un servizio di disinfestazione basato su una tecnologia di un batterio già sperimentato  da diverse start-up di settore in altri Paesi, soprattutto in Sudamerica: in tanti hanno già scelto di sposare il progetto di Biovecblok e nel futuro le nuove risorse saranno impiegate anche per il nuovo centro di ricerca di Muccia, un’area all’avanguardia dotata delle più avanzate tecnologie. Un segnale importante anche per il territorio maceratese, messo a dura prova dal sisma di due anni fa, che riparte con slancio e determinazione. Senza contare il prezioso supporto per le comunità di tutto il mondo nel proteggere la salute e assicurare una migliore qualità della vita, debellando alcune delle più note malattie endemiche grazie a prodotti al 100% naturali.

 

Contatti:

Biovecblok Srl

Sede legale: Via del Bastione 5, Camerino (MC) Italy, 62032 – +39 347.7990645, +39 328.7376015

Centro ricerca: Via Girolamo Varnelli 17, Muccia (MC) Italy, 62034 – +39 0737.44235, +39 338.4528392

e-mail: biovecblok@unicam.it; biovecblok@pec.it

web: www.biovecblok.com

 

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.