Ha salvato l’ultimo mulino a pietra della Calabria. Mattarella lo nomina Cavaliere al merito della Repubblica. Con lui, altri 32 eroi civili

4888
stefano caccavari mulinum digital
Stefano Caccavari di Mulinum

Il presidente Sergio Mattarella ha consegnato oggi al Quirinale 33 onorificenze al merito della Repubblica. Tra i cittadini che si sono distinti per atti di eroismo e per il loro impegno civile, c’è anche Stefano Caccavari, 33 anni, imprenditore che nel 2016 ha avviato Mulinum, la startup agricola nata sul web con circa 200 soci. Nominato Cavaliere «per il suo innovativo contributo rivolto alla valorizzazione del patrimonio territoriale in Calabria».

Vi abbiamo raccontato la storia di Stefano fin dagli inizi. Appassionato di tecnologia e natura, già nel 2014, per evitare che nel piccolo comune di San Floro, in provincia di Catanzaro, fosse creata una discarica, aveva avviato l’Orto di Famiglia, un progetto agricolo per la tutela del territorio. Le famiglie del posto potevano coltivare e raccogliere verdure biologiche in un piccolo appezzamento in affitto. E quello era solo l’inizio.

Due anni dopo Stefano ha lanciato un appello su Facebook per “salvare l’ultimo mulino a pietra della Calabria”. Il post, pubblicato il 14 febbraio 2016, è diventato virale. Gli hanno risposto in tantissimi. E in 90 giorni, attraverso il crowdfunding, ha raccolto finanziamenti da tutto il mondo. Oltre 500mila euro da centinaia di persone.

È nata così l’azienda agricola Mulinum. Un progetto che ridà vita alla terra, attraverso l’agricoltura e la trasformazione del grano e della farina “come una volta”. Dalla Calabria alla Toscana alla Puglia, i suoi mulini si moltiplicano. E Stefano si è fatto spesso promotore anche di iniziative di solidarietà e di raccolta fondi per beneficenza.

«Anni di sacrifici sono stati ricompensati da un riconoscimento che arriva dal Capo dello Stato» ha commentato lui, appena ricevuta la notizia.

Tra i nuovi Cavalieri, commendatori e ufficiali nominati da Mattarella, tanti altri eroi del nostro tempo. Ci sono Gaspare Morgante e Laura Terdossi, titolari della libreria Ubik di Trieste, che dal dicembre 2020 hanno organizzato le “letture al telefono” per fare compagnia a chi vive in condizioni di solitudine. C’è Giancarlo Dell’Amico, 91 anni, che a marzo 2021 si è offerto di cedere il suo vaccino alla madre di un ragazzo disabile che chiedeva di poter essere vaccinata con urgenza. C’è la maestra di Bollate Annamaria Valzasina, 59 anni, che pur di non trascurare la sua classe, ha nascosto la malattia ai piccoli studenti e organizzato le chemioterapia nei momenti di pausa. E Mohamed Ali Hassan, il somalo 39enne, padre di sei figli, che a Vibo Valentia ha trovato per strada un portafoglio con 5000 euro, lo ha portato a chi lo aveva smarrito e ha rifiutato una ricompensa.

I più giovani sono lo studente 23enne Andrea Mucci, che con diverse iniziative ha promosso la cultura dell’accessibilità, contro le barriere architettoniche, e la carabiniera Martina Pigliapoco, 26 anni, che il 4 ottobre ha salvato una donna dall’intento suicida parlando con lei per ore su un ponte a Perarolo. Qui la lista completa: https://www.quirinale.it/elementi/60982

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.