Come invento le chips di pane e rinnovo l’attività di famiglia

0
2025

26 anni di Altamura, provincia di Bari, Domenico D’Ambrosio lavora nella panetteria di famiglia da molti anni. Giovane e con tanta voglia di sperimentare si inventa un nuovo prodotto che spopola tra i clienti e lo porta alla vittoria agli Oscar Green di Coldiretti: «Sono partito dall’osservazione dei miei concittadini. Qui ad Altamura abbiamo l’abitudine di strappare la crosta del pane appena comprato e di mangiarla per strada. Allora mi è venuta l’idea di creare delle chips di pane» spiega Domenico a Millionaire. La sua “panatina”, così come l’ha battezzata, è una sfoglia di pane che nasce dal pane di semola duro.

DSC_6392

A differenza delle altre patatine sul mercato, è al forno e non è fritta, contiene percentuali minore di sale, e può essere gustata da chi ha problemi di colesterolo. Può essere abbinata a pomodoro e formaggio: «Dopo averla ideata, abbiamo iniziato a fare una serie di test per capire se poteva essere messa sul mercato. All’inizio il pubblico non ha capito subito, poi dopo gli assaggi che offrivamo gratuitamente, hanno iniziato ad amare il prodotto».

DSC_6357

Domenico crede nella sua invenzione. Con l’appoggio di suo padre fa conoscere l’idea alla Coldiretti di Bari, da lì decide di partecipare agli Oscar Green, competizione per giovani innovatori nell’agricoltura. Risultato: primo premio nella categoria “Esportare il territorio”: «Il riconoscimento mi è servito e mi ha dato fiducia. Ora stiamo testando il prodotto per la produzione industriale».

Oggi la panatina si può gustare solo all’interno della sua panetteria. Tuttavia, presto sarà sul mercato. Domenico e il suo team stanno preparando il packaging e l’imballaggio: «La venderemo a pacchi da 250 grammi e da 40. La parte più difficile è garantire la freschezza del prodotto. Per questo stiamo testando la panatina su vari tipi di temperatura, da 30 a 50 gradi».

Come si fa innovazione in un settore così tradizionale?

«Si parte sempre dall’osservazione del reale, fare attenzione alle abitudini dei tuoi clienti, dei tuoi vicini, dei tuoi amici e familiari. L’innovazione è già presente spesso, basta solo tirarla fuori. Nel mio caso, sono partito da un’abitudine radicata nei miei concittadini e ho solo provato a presentarla in modo diverso. In altre parole, bisogna partire da ciò che già c’è e rinnovare. È una necessità: il cliente ha bisogno di essere sorpreso da prodotti nuovi. Alla fine potrebbe stancarsi delle tue solite proposte e passare alla concorrenza».

Giancarlo Donadio

 (Fonte foto Oscar Green Coldiretti, http://www.oscargreen.it/dotnetnuke/it-it/ilpanettieredambrosio.aspx)

italiacheriparte_1

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.