Hive: la startup della logistica a 360°

599
Hive

Grazie al servizio offerto da Hive, i brand di medie-piccole dimensioni riescono a mantenere variabili quelli che altrimenti sarebbero costi fissi

 

Accompagnare le aziende direct-to-customer nel loro viaggio alla conquista di nuovi clienti e mercati attraverso un’offerta logistica su misura per ogni esigenza. È questa la mission alla base di Hive, giovane azienda entrata nel mercato italiano a maggio 2022 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo della logistica per e-commerce. Hive offre una soluzione dedicata ai brand nativi digitali. Una fetta di mercato che in Europa si stima svilupperà ricavi attorno a 72 miliardi entro il 2025.

Fondata a Berlino nel maggio 2020 da Franz Purucker, Oskar Ziegler e Leo Von Kleist, Hive è attualmente presente in Germania, Francia e Italia. I prossimi mesi vedranno la giovane startup sbarcare anche in Spagna e in Regno Unito, dove a breve verranno aperti due centri logistici nei pressi di Madrid e Londra.

 

Cosa fa Hive?

Rivolgendosi direttamente ai brand nativi digitali (detti anche direct-to-customer o D2C), Hive propone soluzioni per esternalizzare la logistica. Mantiene però una stretta supervisione su quest’ultima e permettendo così ai brand di potersi concentrare sul marketing e sulla crescita della propria attività. Inoltre, grazie alla sua rete di centri logistici presenti in alcune delle più importanti capitali europee, l’azienda tedesca rappresenta anche una valida rampa di lancio per tutte quelle aziende che hanno tra i propri obiettivi l’espansione sul lungo termine in nuovi mercati internazionali. Un ambito, quest’ultimo, nel quale la logistica gioca un ruolo di primissimo piano.

 

Un business model altamente innovativo

Grazie al servizio offerto da Hive, i brand di medie-piccole dimensioni riescono così a mantenere variabili quelli che altrimenti sarebbero costi fissi. Ma il vantaggio della flessibilità si estende anche a brand più grandi, che grazie all’outsourcing della propria logistica possono fronteggiare picchi stagionali o promozioni temporanee garantendo la normale velocità di gestione degli ordini e offrendo “plus” di qualità come un packaging personalizzato o la scelta del corriere.

Entrare a far parte di Hive significa unirsi a una nuova realtà con un solo obiettivo: quello di offrire a brand D2C di piccole e medie dimensioni un appoggio completo per tutto quello che riguarda la logistica, dallo stoccaggio alla pianificazione, dal trasporto merci alla gestione di eventuali resi a prezzi 100% trasparenti.

Non solo: grazie a un software costantemente aggiornato, ogni brand ha la possibilità di seguire e monitorare in tempo reale ogni singola fase del processo logistico. Inoltre, Hive è facilmente integrabile a tutte le principali piattaforme o plug-in di e-commerce disponibili sul mercato, come Shopify o WooCommerce.

 

Team Hive
Il team di Hive.

 

Una scaleup con solidi investitori alle spalle

Hive, il cui management comprende figure provenienti da aziende come McKinsey, Goldman Sachs, DHL, N26 e Amazon, è stata individuata dalle maggiori pubblicazioni del settore come una delle più promettenti realtà in ambito logistico a livello mondiale.

Tra gli investitori che hanno scelto di credere in Hive figurano Earlybird, Picus Capital, Activant e Tiger Global, oltre a Michael Wax (Forto), Christopher North (Amazon), Jochen Engert e Daniel Krauss (Flixbus). Il round di finanziamenti di Serie A, conclusosi a novembre 2021, ha permesso a Hive di raccogliere 29 milioni di euro e la valutazione complessiva dell’azienda supera 140 milioni di euro.

 

Azienda giovane e organizzata

Il centro logistico di Milano, con una capacità di gestione di fino a 20.000 ordini al giorno e una superficie complessiva pari a 17.000 mq, è stato inaugurato nel maggio 2022 e fa parte del nascente polo di Casei Gerola (Pv), destinato a diventare uno dei centri nevralgici per la logistica nazionale e internazionale. La gestione del centro, così come quella delle operazioni di Hive sull’intero territorio nazionale, è affidata a un team giovane e dinamico composto da una decina di persone attive tra Milano e Berlino.

«Abbiamo scelto l’Italia come una delle nuove sedi internazionali perché si tratta di un paese che presenta un grandissimo potenziale per i settori in cui siamo specializzati come beauty, fine food, moda e accessori per la casa» commenta Sara Galvagna, general manager di Hive. «Gli obiettivi che ci poniamo nel nostro Paese sono molto ambiziosi, per questo metteremo in atto un importante piano di assunzioni nei prossimi 3 anni».

I clienti che hanno già scelto di affidarsi a Hive appartengono ai campi più disparati, da quello degli integratori alla cosmetica, passando per gli accessori per la casa.

Per saperne di più su Hive, è possibile visitare il sito web

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteIl trend di educare i nostri bambini su TikTok
Prossimo articoloIl nuovo libro sull’importanza delle aziende etiche