Il valore aggiunto del Business Process Outsourcing

552

Con il BPO migliori performance e minori investimenti. Ed economia di scala e ottimizzazione diventano le parole d’ordine.

 

Il BPO, Business Process Outsourcing, è il modello organizzativo basato sull’esternalizzazione di alcuni processi aziendali. Si tratta di un modello sempre più in crescita a livello nazionale ed internazionale. In quest’ottica Comverta, società che nasce dall’unione di quattro realtà imprenditoriali e che ha all’attivo 250 figure professionali, tra dipendenti e collaboratori, nonché brand clienti con notorietà a livello nazionale, offre in outsourcing alle aziende servizi per la gestione di ogni fase del processo di customer management.

 

«L’integrazione dei servizi costituisce il fulcro della strategia di Comverta ed è il fattore che permette alle imprese clienti di ottimizzare gli investimenti, raggiungendo livelli di performance più elevati» – esordisce Erasmo Perrone, presidente del CdA – «Le soluzioni B2B e B2C che proponiamo si riferiscono a 3 aree: sales (contact center, retail, in store promotion), business (rete commerciale) e digital (lead generation, performance marketing, creative design, lead2action)».

 

Erasmo Perrone, presidente del CdA Comverta.

 

L’area sales, nello specifico, include tre contact center in Puglia con più di 200 consulenti dedicati alle attività commerciali, gestione di store con quattro punti vendita in Puglia e uno a Roma per la commercializzazione di prodotti e soluzioni di telecomunicazioni, attività di field marketing;, promotion all’interno di gallerie commerciali e GDO (Puglia, Emilia Romagna, Molise, Marche, Abruzzo).

 

L’area Business si incentra invece sulla consulenza alle aziende per la scelta dei fornitori più affidabili e convenienti nei settori ICT, digital ed efficientamento energetico. L’area Digital, infine, si occupa di attività strategiche e operative di marketing, comunicazione e advertising, che coprono a 360 gradi le esigenze delle aziende clienti. «La ricerca di nuovi clienti e la fidelizzazione di quelli già acquisiti rappresentano una sfida quotidiana per il management di ogni azienda» – spiega Erasmo Perrone -«Inoltre il processo di gestione dei clienti è sempre più complesso, rendendo necessarie competenze continuamente aggiornate e tecnologie sempre più avanzate, con conseguente bisogno di investimenti ingenti in ambito HR e Tech».

 

 

Tali investimenti, fa però notare Perrone, nel tempo possono diventare insostenibili per molte aziende. «Con il nostro lavoro» – argomenta – «notiamo un errore diffuso nel mondo imprenditoriale e cioè quello di rivolgersi a fornitori diversi per i singoli servizi legati a vendite, marketing e comunicazione. L’assenza di dialogo tra agenzie e società di consulenza durante le varie fasi di gestione degli utenti delle aziende clienti, si traduce nel mancato sfruttamento del potenziale che deriva, invece, dall’integrazione dei dati a disposizione di ciascun fornitore. Le conseguenze di questo approccio sono facilmente intuibili: uno spreco enorme di risorse».

 

Il modello di Comverta, tramite il quale i dati generati dai diversi servizi vengono elaborati e messi in correlazione tra di loro, ha già convinto alcuni tra i più importanti player dei settori Energy e Telco: «L’integrazione dei servizi, fulcro del nostro progetto, è proprio il fattore che permette ai nostri clienti di competere sui mercati in maniera più efficace, grazie all’ottimizzazione di investimenti in risorse umane e tecnologia, che solo una realtà di Business Process Outsourcing basata sulla combinazione di soluzioni strategiche e operative che coprono l’intero ciclo di customer management è in grado di offrire» – ricorda – «Non a caso anche i numeri dicono che il BPO, come confermano le principali società di analisi, è destinato a crescere in maniera esponenziale a livello mondiale. Si stima un incremento dell’8,4% nel 2023 e del 10% nel 2024».

 

Per il 2023 Comverta ha obiettivi ben precisi: «Puntiamo alla crescita double digit nelle attività delle Business Unit Sales e Digital» – conclude – «e dare vita a nuove start up commerciali con focus su Marketing Automation e AI, incremento della Brand Awareness a livello nazionale».

comverta.com

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteIl Nord Italia beneficerà di nuovi impianti solari grazie a Unicredit
Prossimo articoloBending Spoons acquista Evernote