La lettera di Cucinelli per la pace: “Questo tempo del dolore non durerà, tutti sapremo come tornare verso la luce”

4252
brunello cucinelli lettera pace
© Brunello Cucinelli

“Lettera alla mia anima”. Si intitola così il messaggio che Brunello Cucinelli, l’imprenditore umbro re del cachemire, ha voluto condividere online. È una riflessione sulla guerra, e un appello ai leader del Pianeta per tornare alla pace.

«Penso che qualcosa nel mondo stia cercando di sopraffare i valori della fratellanza e della solidarietà, però sono convinto che questo tempo del dolore non avrà durata lunga, perché tutti sapremo come tornare verso la luce, guidati dagli uomini savi che governano il mondo» scrive Cucinelli.

L’imprenditore, che già dall’inizio della pandemia ha più volte raccolto i suoi pensieri in lettere pubbliche, sottolinea come oggi il suo cuore sia «ancora addolorato come in quel tempo gravoso». Adesso però la causa è la guerra.

«Ancora una volta, gli uomini si sono levati contro gli uomini, e mi sembra impossibile che questo avvenga oltraggiando la nostra umanità».

Cucinelli si rivolge ai capi di Stato «affinché la discordia ceda il posto alla concordia». E poi: «Perché guardino al futuro senza mai dimenticare l’eternità dei valori umani, che sono il lavoro, la famiglia, la spiritualità di qualsiasi religione, anche quella di chi non crede». Ripone speranza nei giovani di oggi («saranno i bambini a svegliarci») e pensa al giudizio di quelli che verranno.

«Le generazioni future ci giudicheranno sulla misura di quanto sappiamo costruire, e non ameranno le nostre distruzioni, perché dietro ad ogni edificio, ad ogni strada, ad ogni albero, ad ogni officina vi è la forza, la passione, il lavoro di tanti anni e di tante volontà che non possono sparire con la materia, ma continuano a vivere».

In linea con la sua idea di un nuovo umanesimo, Cucinelli parla dell’eredità di cui tutti gli uomini sono custodi, del mondo che dovremmo preservare «prima che diventi cenere».

Sostiene che la guerra sia spesso figlia della paura («e ha paura, a volte, anche chi governa»). E se tutti, oltre ai popoli anche i leader del mondo, capiranno che «che non vi è una terra di qualcuno, ma la terra è madre di tutti», allora la pace tornerà.

«Sono certo che quel futuro radioso nel quale credo è ormai così vicino che basta tendere la mano per farlo diventare realtà viva e duratura» conclude l’imprenditore.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteLa moda che accompagna le donne nella quotidianità e nelle occasioni importanti
Prossimo articoloDalle ferie illimitate alle pause collettive per tutti i dipendenti: il welfare aziendale secondo Bitpanda

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.