L’e-commerce sostenibile possibile grazie alle startup italiane

1210
Ecommerce x fintech

Arrivano le spedizioni e-commerce più sostenibili

La collaborazione tra le due startup italiane WHATaECO e Isendu ha prodotto un aumento del fatturato del 10% e una diminuzione dei costi di spedizione del 35% in solo 8 mesi.

Molte le speranze che sorgono da questo successo. Prima tra tutte la possibilità di crescita per WHATaECO, l’e-commerce modenese che promuove la sostenibilità tramite un sistema di vendita online attento al pianeta. Per far ciò, la startup utilizza datacenter alimentati a energia pulita, offre la garanzia carbon neutral delle spedizioni e una politica di packaging selettiva priva di plastica.

 

fintech

 

WHATaECO e Isendu

Fondata da Benedetta Spattini e Caterina Lotti nel 2020, WHATaECO seleziona attentamente i propri brand mirando a fornire prodotti etici e sostenibili. A oggi sono state individuate 170 realtà nell’Unione europea, di cui il 75% italiane.

Nel 2021 per facilitare il loro processo di spedizione rimanendo sempre fedeli ai loro valori, WHATaECO si è affidata a Isendu. Fondata nel boom delle vendite online del 2020, Isendu automatizza le spedizioni contribuendo così allo sviluppo degli e-commerce come WHATaECO.

Guidata dall’ambizione di rivoluzionare il mondo e-commerce in linea con gli obiettivi di sostenibilità dell’agenda 2030, WHATaECO opera attraverso il cosiddetto dropshipping. Ovvero, spedendo il prodotto dalla casa madre direttamente al cliente, eliminando il problema delle rimanenze in magazzino e riducendo gli sprechi.

Stando alle statistiche il mercato globale del dropshipping potrebbe ottenere un aumento di oltre 300 miliardi di dollari per il 2026- rappresentando una grande opportunità per l’Italia. Mentre prima tutte le operazioni erano svolte manualmente, il software SaaS di Isendu permette risparmiare tempo ed evitare errori grazie alla dashboard di gestione.

«Con Isendu è stata una folgorazione che nel tempo si è consolidata e che siamo sicure ci accompagnerà in futuro verso i prossimi obiettivi del nostro brand. Come esperti del settore sono stati in grado di individuare e risolvere un problema reale e condiviso, permettendo a chi si affida al loro software di risparmiare tempo e diminuire drasticamente il margine d’errore umano» spiegano Benedetta Spattini e Caterina Lotti.

 

 

Molte sono le partnership di successo di Isendu che da poco si è espansa in Spagna. WHATaECO si aggiunge alla lista con un aumento del fatturato del 10% e dei clienti del 8% in soli 8 mesi.

«Da subito abbiamo notato in WHATaECO un quid in più, misto a competenze, determinazione e grinta. L’obiettivo comune di fare la differenza nel comparto e-commerce ci ha fatti incontrare e ha posto le basi per una collaborazione fruttuosa, che va al di là del mero ampliamento del business: per noi lavorare con Benedetta e Caterina significa mettere i nostri strumenti al servizio di una realtà giovane e innovativa, con l’ambizioso intento di cambiare le cose» commenta Marco Pericci, Head of Growth di Isendu.

«La nostra missione è quella di ridisegnare il futuro degli e-commerce, dimostrando che un’alternativa esiste e che l’attenzione al pianeta non può più essere rimandata» concludono le imprenditrici di Modena.

Guardando al futuro, WHATaECO prevede un’ampliamento del brand e dei clienti B2C e B2B nei prossimi due anni, e l’apertura di uno Showroom a Modena per settembre 2022.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteAnnunci di lavoro: l’Italia è il paese delle retribuzioni fantasma
Prossimo articoloCasavo: pronto un nuovo round da 100 milioni