Nato per vendere

3195

Una passione scoperta da giovanissimo. Poi il lavoro. Prima nell’azienda di famiglia, infine in una grande impresa. La sua vita? Tutta di corsa, a caccia di un nuovo cliente…

Intervista allo specchio con Paolo Caprotti, 38 anni, venditore di spazi pubblicitari per Mondadori Pubblicità a Milano.

La mia prima vendita. Avevo 13 anni. E la fortuna di conoscere il presidente dell’Inter. A lui ho chiesto dei biglietti da rivendere agli amici. Non ci speculavo, volevo soltanto provare il piacere di stupire gli amici. Ma lì ho capito quanto mi piaceva questo mestiere.

La mia vendita più difficile. E’ stato cinque anni fa: riuscire a trovare un compratore per il mio scooter usato è stato quasi impossibile, nonostante i ripetuti annunci pubblicati. Sul lavoro, per fortuna, ho sempre raggiunto i miei obiettivi.

La vendita che mi ha cambiato. La prima pagina venduta per Mondadori Pubblicità. Prima lavoravo in famiglia e distribuivo lampade. Ma a un certo punto ho capito che dovevo misurarmi con un ambiente diverso. Così ho cambiato azienda, ho cercato un cliente nuovo e mi sono messo all’opera. I risultati mi hanno dato ragione e così ho capito di avere la vendita nel sangue.

La vendita che mi ha soddisfatto di più. E’ stata l’anno scorso. Ho contattato un nuovo cliente che, per caso, solo qualche giorno prima aveva pianificato il budget pubblicitario. Mi sono impegnato con tutto me stesso e sono riuscito a vendere un buon pacchetto. E la combinazione di caso, impegno e abilità mi ha elettrizzato.

Quanti sì per un no? I sì sono il 70%. Una percentuale che, per un settore in flessione come quello in cui opero, è decisamente buona.

La volta che ho pensato di smettere. Il mese scorso, quando sono andato alla fiera del turismo e ho visto tutti i luoghi incantevoli che si possono visitare nel mondo. In realtà, non ho mai pensato sul serio di lasciare questo mestiere, che ogni giorno mi appare come una sfida da cogliere.

La mia miglior qualità di venditore. La tenacia. Una volta un cliente mi ha confessato che l’avevo conquistato per sfinimento.

Il prossimo traguardo… Mantenere il livello attuale.

Che cosa faccio per tenermi al top. Guardo sempre con attenzione tutto ciò che fa la concorrenza. E non perdo mai il buon umore: ho un lavoro che adoro e una splendida famiglia, che cosa potrei desiderare di più? Per carattere, sono un ottimista.

Consigli a chi vuole raggiungere i miei risultati. Non mollare mai. Tutte le difficoltà sono risolvibili e i problemi sono solo ostacoli da aggirare.

L’aspetto del mio lavoro che mi piace di più. Il dinamismo. Non potrei mai lavorare in banca o in posta, relegato ogni giorno dietro una scrivania. Sono sempre in giro, percorro tanti chilometri e ho un’agenda fitta di appuntamenti.

Che cosa facevo prima di fare il venditore. Lo studente. Sono passato direttamente dai banchi di scuola alla vendita.

Il mio guadagno attuale. E’ più che dignitoso. Ma, secondo me, dovrebbe essere di più. Ci sto lavorando sopra…

>  pagine di pubblicità

Mondadori Pubblicità è una controllata del’omonima casa editrice. Concessionaria di spazi di numerose testate giornalistiche a diffusione nazionale, come Focus, Panorama e Sorrisi e Canzoni Tv, si avvale della collaborazione di 120 agenti. Nel 2002 ha sfiorato i 400 milioni di euro di fatturato. Tra le riviste più recenti del gruppo, il femminile moda Flair (il cui lancio pubblicitario è costato cinque milioni di euro), il mensile Flair Living, tutto dedicato alla casa. Appena arrivati in edicola il giornale di psicologia Per me e Ville e Giardini, dedicato a chi vuole vivere lontano dalla città, anche solo per un giorno.

Per candidarsi come agente, si può inviare un curriculum a Mondadori Pubblicità Spa – via Mondadori, 1 – 20090 Segrate (MI), tel. 02 75421, www.mondadoripubblicita.com

Maria Spezia, Millionaire 4/2004

Print Friendly, PDF & Email