Paperless & Digital Awards 2022

5166
Paperless

Tutti i vincitori della 1ª edizione

Un’iniziativa per valorizzare le eccellenze digitali italiane e rivelarne il talento. Con questi propositi ha avuto luogo la prima edizione di “Paperless & Digital Awards” , evento a sostegno della digitalizzazione che punta a premiare le realtà che hanno saputo distinguersi in tale ambito e il cui epilogo si è tenuto l’1 luglio.

Le aziende partecipanti hanno raccontato un progetto di digitalizzazione ed erano divise in 5 categorie: 1. Grandi imprese. 2. Pmi, Startup e/o spinoff. 3. Strutture sanitarie. 4. Pubblica amministrazione. 5. Organizzazioni non profit.

Il processo di selezione di 30 finalisti, 5 per ciascuna categoria, è stato affidato a una giuria composta da imprenditori, rappresentanti del mondo accademico, finanza, giornalismo e altri attori dell’innovazione digitale.

 

Paperless 1

 

Sono stati 13 i vincitori di Paperless & Digital Awards. I finalisti si sono aggiudicati una giornata di consulenza gratuita del valore di 1.500 euro, da parte di esperti nazionali di digitalizzazione. I vincitori di ciascuna categoria, oltre alla visibilità dei loro progetti sul portale Paperless, beneficeranno di approfondimenti da parte di organi di stampa nazionali sui quali sarà divulgata l’iniziativa.

Nella finale tenutasi presso l’I-Center Tag di Padova, il comitato tecnico scientifico ha premiato 13 progetti tra i 27 finalisti provenienti da 11 regioni italiane, le grandi imprese, PMI, startup, strutture sanitarie, spinoff, pubbliche amministrazioni e non profit che hanno aderito all’iniziativa.

 

I 13 progetti premiati

Nella categoria Grandi Imprese c’è stato un ex aequo tra due aziende:

  • Mare Group (Campania) è stata premiata per aver creato “un sistema di interazione e collaborazione a distanza, finalizzato a un addestramento industriale virtuale, grazie all’uso dei nuovi strumenti digitali e in particolare al metaverso”.
  • Credimi (Lombardia), la giuria ha apprezzato lo “sviluppo di un progetto customer oriented con servizi innovativi in ambito creditizio offerti grazie al digitale”.

Altro ex aequo nella categoria Pmi. Qui i premi sono stati destinati a:

  • Exaltech (Lazio), “per aver incarnato appieno i principi della transizione digitale, riuscendo a far interagire più siti produttivi da remoto, garantendo un supporto online in tempo reale”.
  • Farport (Lazio), “per aver garantito un miglioramento delle performance aziendali e l’ottimizzazione dei trasporti grazie all’uso di software e piattaforme digitali”.

In Startup e Spinoff, sono state premiate le buone pratiche di digitalizzazione di Aida (Lombardia) che ha sviluppato Kipy, “una soluzione innovativa in grado di semplificare la vita degli utenti attraverso la gestione delle molteplici sfide quotidiane e delle scadenze, riducendo lo stress e garantendo la sicurezza dei dati”.

Riatlas (Campania) si è aggiudicata il premio per la categoria Strutture Sanitarie, “per aver offerto un supporto fondamentale alla cura dei pazienti oncologici durante l’assistenza domiciliare e aver conseguentemente permesso il processo di deospedalizzazione, alleggerendo il carico al personale medico-sanitario e offrendo un ricambio di posti letto nelle strutture sanitarie”.

Altro ex aequo nelle Pubbliche Amministrazioni con il Comune di Barletta premiato “per aver attuato una gestione moderna e digitale del partenariato economico e sociale attraverso un innovativo Digital Tool Box, a tutela della salute dei cittadini come misura anti-Covid e dell’efficacia, efficienza e trasparenza della progettazione partecipata del PNRR”. E la Repubblica di San Marino, che ha colpito favorevolmente il comitato tecnico-scientifico “per aver reso completamente paperless la pratica della raccomandata, con un sistema di invio certificato che ha permesso il raggiungimento dell’obiettivo della riduzione dell’uso di carta”.

L’ultima categoria, Non Profit, ha visto la premiazione del Rotary Club Battipaglia che ha “fornito alla città di Battipaglia uno strumento utile al monitoraggio digitale dei dati ambientali, a salvaguardia della qualità della vita del cittadino, rientrando nell’ambito delle Smart Cities”.

 

Paperless 2

I premi speciali

La giuria ha offerto anche premi speciali. Il premio Miglior Pitch è stato vinto da Softlab (Lazio) che ha “dematerializzato circa 800mila documenti per un totale di 15 tonnellate di carta a salvaguardia dell’ambiente e per l’ottimizzazione delle risorse”. Il Premio SellaLab se lo è aggiudicato, Prorob (Veneto) “per la capacità dimostrata di sviluppare applicazioni in grado di rispondere alle necessità emergenti, come la sua piattaforma che ha gestito la logistica, la distribuzione e la pianificazione della somministrazione delle dosi di vaccino”.

Il Premio I-Center TAG Padova è stato consegnato a Franceschi (Emilia-Romagna) “per aver sviluppato il progetto S-Trace, una web App capace tracciare in modo certo e non alterabile, in blockchain, ogni passaggio della filiera agroalimentare”.

Infine, a EnterprisinGirls (Lombardia) è andato con un punteggio complessivo di 8.571 punti il Premio Web. Gli utenti hanno apprezzato la non profit che “offre al mondo dell’imprenditoria femminile strumenti digitali utili alla creazione di un network col quale valorizzare il ruolo delle donne”.

Paperless

Transizione digitale: opportunità e ostacoli

L’evento è stato anche un’occasione di confronto con la tavola rotonda dal titolo “Road to the Future: transizione digitale come cambiamento culturale”, moderata da Massimo Cerofolini, giornalista e conduttore di Eta Beta su Radio Rai 1.

Sono intervenuti: Nicola Savino, ideatore Paperless & Digital Awards e Ceo Savino Solution; Edoardo Gisolfi, board Gruppo Stratego e presidente CNCT; Stefano Azzalin, Ceo Dpixel, Head of Sellalab; Mauro Eccetto, presidente Studio Torta; Massimo Canducci, Cio Engineering, executive MBA professor; Gianni Dal Pozzo, Ad Considi, presidente Associazione Alumni UniPD, vicepresidente CNCT; Gianni Potti, presidente Fondazione Comunica, autore del libro Industria 4.0 storia di macchine e di uomini; Paola Olivares, Osservatorio Digital Innovation PoliMi; Fabio Ferrara, presidente Comitato scientifico AssoRTD.

«I progetti arrivati in finale e quelli premiati rappresentano bene uno spaccato dell’Italia digitale. Il nostro Paese è in grande ripresa sul fronte della digitalizzazione, grazie alla nostra capacità di dare il meglio nei momenti di difficoltà. Le eccellenze premiate mostrano altresì la grande inventiva e le competenze del nostro ecosistema dell’innovazione» ha dichiarato Nicola Savino, ideatore dell’iniziativa e Ceo di Savino Solution.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteLe startup italiane volano verso quota miliardo
Prossimo articoloIntesa Sanpaolo e Enel rilevano Mooney: nascerà una joint fintech europea