Qonto, la neo-banca per Pmi e professionisti che mancava

Qonto, la neo-banca per Pmi e professionisti

Qonto è la neo-banca creata in Francia da due imprenditori (non banchieri) che finalmente si rivolge a Pmi e professionisti con servizi innovativi e modalità di rapporto con i clienti smart. E si sta sviluppando anche in Italia. 

Questa volta i cugini d’Oltralpe ci hanno battuto sul tempo. Sono infatti francesi i fondatori di Qonto, una innovativa neo-banca specificamente studiata per piccole e medie imprese e professionisti.

Due imprenditori, Alexandre Prot e Steve Anavi, che, resisi conto sulla loro pelle delle difficoltà create dai normali istituti bancari, hanno deciso di creare un servizio di business banking che semplificasse la vita di queste realtà.

Qonto punta oggi a svilupparsi sui mercati internazionali e l'”anima” italiana di questa crescita è Mariano Spalletti, 31 anni, il Country manager Italia.

Come è entrato in contatto con Qonto? Cosa l’ha spinta ad assumere la posizione attuale?

Qonto, la neo-nbanca per pmi e professionisti
Mariano Spalletti

«Dopo le mie esperienze in Decathlon e in Flixbus, nel 2017 ho fondato una startup nel settore legaltech e, durante questa attività, mi sono messo alla ricerca di un modo per semplificare e sveltire una serie di complessità amministrative e operative. Così ho scoperto Qonto, constatando come il servizio offerto fosse una soluzione ideale rispetto alle mie esperienze, sia come imprenditore/startupper sia come dipendente di impresa. Fattori che mi hanno subito appassionato, anche perché In Italia mancava un servizio così completo. Successivamente, trovandomi a Parigi, ho avuto la fortuna di incontrare i fondatori di Qonto e da qui è nata l’opportunità di carriera che mi ha portato alla carica attuale».

Come è nato Qonto, la neo-banca per piccole medie imprese e professionisti?

«Qonto è nato per volontà di due imprenditori francesi, Alexandre Prot e Steve Anavi, sulla base delle loro esperienze precedenti. Prima di dare vita a Qonto, avevano creato un’altra società, Smok.io, poi acquisita da un’impresa Fortune 500, sperimentando così in prima persona le carenze delle regolari offerte bancarie per il business, l’interazione complessa e time-consuming e la scarsa attenzione al mondo delle piccole imprese. Da questa esperienza diretta è nata l’idea di rivoluzionare la quotidianità bancaria per i clienti business, rendendola semplice e veloce, così da costruire la banca che tutti i business amano. Parliamo quindi di due imprenditori che, di fronte a un problema che li riguardava direttamente, hanno creato la soluzione, quindi ben conoscono le problematiche a cui Qonto punta a rispondere».

Quali servizi bancari propone Qonto e come si posiziona nel panorama italiano dei servizi di home banking?

«Qonto è una neo-banca per Pmi e professionisti. Offriamo un conto corrente business 100% online più gli strumenti necessari per ottimizzare la gestione dei pagamenti aziendali propri e dei propri collaboratori. Ci posizioniamo sul mercato con un servizio più semplice, efficiente e sviluppato per rispondere al meglio alle specifiche esigenze dell’utenza di tipo business. La user experience è pensata per essere all’altezza di quella dei migliori conti correnti per clienti privati, in modo da garantire il minimo dispendio di tempo nelle singole operazioni. In pratica, ciò significa apertura del conto in 5 minuti, esecuzione di bonifici in pochi secondi, possibilità di effettuare bonifici multipli (ad esempio per il pagamento degli stipendi), caricamento di una delega di addebito diretto sul conto corrente in pochi istanti (SDD), notifiche in tempo reale per qualsiasi operazione, sia via email sia su dispositivo mobile. In sintesi, il focus sulle esigenze del segmento business si traduce in un servizio intuitivo 100% online, che garantisce al tempo stesso un supporto al cliente iper efficiente e localizzato, per rispondere a qualsiasi richiesta in modo rapido ed efficace».

Qonto, neo-banca per pmi e professionisti
Il team Qonto

Quali altre funzionalità specifiche per le attività d’impresa offri Qonto alla clientela?

«Accessi al conto corrente diversificati e possibilità di creare carte di debito fisiche e/o virtuali con permessi e limiti di spesa personalizzabili a seconda delle attività svolte dal singolo dipendente. Inoltre, aspetto che ci distingue ulteriormente dai principali competitor, il numero degli utenti per singolo conto può essere illimitato nel caso in cui il piano scelto sia quello Premium, garantendo massima flessibilità. Tutto questo comporta tra l’altro una grande semplificazione nella gestione delle note spese, grazie all’eliminazione delle richieste di rimborso, a cui si somma l’opzione di caricamento delle ricevute in tempo reale. È presente inoltre un sistema di auto-categorizzazione delle spese con carta, che ne rende estremamente facile il monitoraggio e l’analisi. Altro importante servizio è quello dedicato al commercialista (o a chi all’interno dell’impresa si occupa della gestione contabile), a cui è dedicato un accesso specifico che gli permette di tener traccia ed esportare tutte le spese e i giustificativi associati, nonché di richiedere quelli eventualmente mancanti con un clic».

Di solito se si parla di banche si parla essenzialmente di numeri. Ma qual è la filosofia che anima la vostra attività? «La nostra mission, proprio in virtù delle esperienze dei fondatori di Qonto, è creare la banca che tutte le imprese amano, garantendo un risparmio di tempo giornaliero, semplificando la loro quotidianità bancaria. Il tutto fondato su valori di fondo come semplicità, efficienza, trasparenza (nessun costo nascosto)».

Chi sono oggi i clienti di Qonto e quale rapporto viene istaurato con loro?

«Con i nostri clienti abbiamo sviluppato un rapporto stretto e chiediamo feedback di continuo, con l’obiettivo di creare insieme la banca perfetta per le imprese locali italiane. Questo approccio rafforza inoltre la relazione di fiducia con i nostri clienti, che sanno di poter contare sempre su di noi e sono entusiasti del livello di servizio dato. Qonto garantisce un servizio clienti estremamente vicino e attento al singolo utente. Nel caso di dubbi o difficoltà nell’utilizzo del servizio, è possibile consultare una pagina dettagliata con le Faq, scrivere direttamente un’email o contattare telefonicamente l’assistenza. Il primo indicatore dell’efficienza del customer service di Qonto è il tempo medio di risposta, pari a 15 minuti, con il 98% di clienti che si dichiarano soddisfatti per il servizio di assistenza ricevuto».

La vostra è una realtà giovane. Quali sono gli obiettivi di sviluppo di Qonto?

«Obiettivo di Qonto è consolidare il ruolo di leading b2b neobank in Europa. Attualmente contiamo più di 50mila clienti, di cui circa 3mila nei Paesi al di fuori della Francia. L’obiettivo per il 2020, con focus sull’espansione internazionale, è quello di andare oltre i 50mila clienti nei mercati Italia, Spagna e Germania».

INFO: https://qonto.eu/it

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.