Slidinglife, la piattaforma web per un divorzio “smart”

Slidinglife, assistenza divorzio e separazione

Slidinglife è la piattaforma di servizi più completa sul mercato del divorzio: dalla consulenza per chi affronta le prime fasi della separazione, a una vetrina online per i professionisti ed ora è pronta per un nuovo aumento di capitale da investire in tecnologia e mercati esteri.

Massimiliano Arena ceo di Slidinglife, piattaforma assistenza divorzio e separazione
Avv. Massimiliano Arena, Ceo di Slidinglife

La rivoluzione digitale coinvolge ormai tutte le categorie professionali. Non fa eccezione il settore forense, oggi alla ricerca di nuove aperture in grado di sfruttare i vantaggi della IT. Questi i presupposti sui quali Massimiliano Arena, avvocato pugliese specializzato in Diritto famigliare, ha creato Slidinglife, una piattaforma specializzata nel delicato capitolo dei divorzi e delle separazioni. È lui stesso a parlarcene.

Come le è venuta l’idea di una piattaforma come Slidinglife dedicata a divorzi e separazioni?

«Guardando negli occhi i figli dei miei clienti separati. Ogni giorno ricevo decine di coppie che mi richiedono la separazione, mettendo sulla mia scrivania non solo le loro frustrazioni, ma soprattutto la serenità dei loro bambini. Ho creato Slidinglife affinché si potessero mitigare i conflitti famigliari sia con il supporto di professionisti certificati, grazie ai quali gestire tutti gli aspetti, psicologici e legali, di un divorzio, sia con la tecnologia digitale, per semplificare operazioni complesse per tutti gli attori. Slidinglife non promette solo una completa assistenza in tutte le fasi della separazione, ma ha come missione quella di alleviare i segni che una separazione lascia sulla generazione che la subisce. Per questo è stata definita ufficialmente “startup a vocazione sociale”».

Perché ha deciso di specializzarsi nel campo delle separazioni e divorzi? Quali sono le dimensioni del fenomeno in Italia?

«In Italia si separano circa 90mila coppie l’anno e ne divorziano circa 80mila, che significa almeno 340mila persone che hanno bisogno di servizi di consulenza e assistenza. A questa statistica sfuggono le coppie non unite né in matrimonio né in una convivenza registrata all’anagrafe. Anch’esse devono decidere, in caso di separazione, le sorti della casa, delle finanze e dei figli. Solo in termini di assistenza legale parliamo di un giro d’affari di circa mezzo miliardo l’anno. Senza considerare le altre consulenze che possono essere richieste ai professionisti della nostra piattaforma: commercialisti, psicologi, life coach».

Cosa differenzia Slidinglife da altre iniziative simili in campo legale?

Slidinglife, piattaforma assistenza divorzio e separazione
I numeri di Slidinglife: 2017 anno di nascita di Slidinglife; 183 professionisti iscritti; 500 visite giornaliere alla piattaforma; 5.100 utenti registrati.

«Slidinglife è costruita sartorialmente sui suoi utilizzatori: che siano divorziati o professionisti. In entrambi i casi mettiamo in campo le nostre professionalità per creare servizi che semplifichino le attività legate al divorzio. Alla persona che vive una crisi coniugale offriamo assistenza in ogni fase della separazione: dal primo momento in cui si paventa la possibilità di una divisione, alla firma dei documenti, fino ad arrivare alla voglia di rinascere dopo la chiusura di un rapporto. Gli strumenti utili per non sbagliare sono tutti in un unico luogo, sul sito di Slidinglife: articoli blog, podcast, video, consulenze con professionisti qualificati e un servizio dedicato ai genitori separati: il Parenting, grazie al quale gestire da smartphone turni di visita, spese condivise e autorizzazioni a postare foto dei figli sui social. Ai professionisti della piattaforma è invece dedicato il nostro impegno per fornire una clientela targettizzata, in cerca dei servizi da loro offerti e tutti gli strumenti digitali per ottimizzare tempi e investimenti».

Quanto conta nel vostro lavoro la capacità di comprendere i problemi delle persone che si rivolgono a voi?

«Dal 2011 ho un blog, dirittominorile.it, grazie al quale ho potuto censire tutte le difficoltà delle persone coinvolte in conflittualità famigliari. Con Slidinglife abbiamo implementato questa ricerca con l’aiuto dei social: ci siamo dotati di un gruppo Facebook che è una vera e propria fucina di idee da mettere al servizio dei nostri utenti. La community di separati e divorziati, arrivata a più di 7mila utenti, tra piattaforma e gruppo, rappresenta per noi un centro di osservazione sul mercato del divorzio, che cresce di giorno in giorno. Metterci in ascolto delle persone e dei loro problemi è il nostro punto di forza».

Che vantaggi offre la piattaforma Slidinglife ai professionisti che vi si iscrivono?

Slidinglife: piattaforma assistenza divorzio e separazione
Il Ceo Massimiliano Arena e il suo team con il premio Best

«Oggi un libero professionista deve investire tempo e denaro per farsi conoscere sul Web. Il rischio del “fai da te” è quello di intercettare un’utenza non in target con la propria offerta professionale. Noi siamo in grado di ampliare il portafoglio clienti e, di conseguenza, il fatturato del libero professionista, che avrà il vantaggio di spendere meno e meglio il proprio budget. Abbonarsi a Slidinglife consente di farsi conoscere in maniera rapida ed efficace, intercettando una clientela che richiede esattamente il servizio offerto dagli iscritti».

In questi primi due anni, che accoglienza ha ricevuto Slidinglife, sia da parte dei professionisti sia del pubblico?

«I riscontri positivi sono arrivati soprattutto dalla nostra community di separati. Cresciamo al ritmo di 1.000 iscritti al mese, con 15mila visite mensili e più di 500 messaggi inviati tra utenti e professionisti. Riceviamo ogni giorno feedback come questo: “Un grazie a questa community. Abbiamo a disposizione veri professionisti, pronti a dare a ognuno la giusta risposta”. Abbiamo un’accoglienza positiva anche dal b2b e dal mondo degli investitori: a settembre siamo stati nominati come “Best Legaltech Startup in Italy” dalla IE Entrepreneurship, un’istituzione internazionale nella business education. Questo ci consentirà di partecipare a una competizione globale con tutte le startup impegnate nell’innovazione legale, a Madrid ad aprile 2020».

Che progetti e sviluppi ha in mente per il futuro?

«Con un primo round di investimenti di 270mila euro appena chiuso e un bando della Regione Puglia per un valore di 200mila euro stiamo completando l’implementazione del Parenting, delle video chat, della proiezione dell’assegno di mantenimento e del format per la separazione online (ricevere a casa l’atto di separazione consensuale in tempi e costi ridotti). Ora stiamo programmando un aumento di capitale di 500mila euro che ci porterà a sviluppare nel futuro un sistema di intelligenza artificiale applicato alla giustizia predittiva (date determinate variabili possiamo capire l’esito della separazione), la trasformazione dell’accordo tra i coniugi o la sentenza in uno smart contract, registrato in blockchain e l’apertura al mercato francese e spagnolo».

INFO: tel. 0881 373166
www.slidinglife.com
massimiliano@slidinglife.com

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.