Innovazione e tecnologia migliorano la vita

SMH Technology

SMH Technologies è un’azienda hi-tech globale e indipendente in espansione. Il settore di riferimento: produzione di sistemi altamente tecnologici per la programmazione e servizi correlati per l’industria manifatturiera di schede elettroniche.

Claudio Stefani SMH Technology
Claudio Stefani

L’uso della tecnologia con l’applicazione dell’innovazione per migliorare il futuro. Una combinazione auspicata e ripetuta spesso come mantra negli ambiti industriali e imprenditoriali. Chi è riuscito a metterla in pratica da diversi anni è SMH Technologies, un’azienda hi-tech con sede in Friuli, ma con orizzonti globali. SMH ha sviluppato una tecnologia di grande impatto innovativo che si riassume nel termine FlashRunner: un sistema ipertecnologico dalle molteplici varianti e applicazioni che permette di ottimizzare tempo, risorse e cicli produttivi. L’offerta di SMH viene aggiornata costantemente grazie al continuo investimento in nuovi algoritmi di programmazione che, per la loro flessibilità, possono essere utilizzati su tutti i modelli. Altra caratteristica peculiare di SMH è quella di avere un team in crescita composto da ingegneri ed esperti di sistemi operativi integrati. Una chiacchierata con l’Ad nonché founder di SMH Technologies, Claudio Stefani, ci ha condotto nei meandri di questo vero e proprio laboratorio ingegneristico.

Quando e come SMH Technologies vede la luce?

«SMH Technologies, costituita nel 2007 nasce, come spesso accade, da una visione di opportunità: ho rilevato una piccola società dagli alti contenuti tecnologici e ho intravisto l’opportunità di organizzare le competenze presenti variando il business model finalizzandole allo sviluppo di una specifica tecnologia fruibile a livello globale: così nasce FlashRunner».

Cos’è FlashRunner, pietra angolare della vostra attività e quali i suoi ambiti di applicazione?

«FlashRunner è una sfida continua, un indice dell’espressione delle più alte competenze elettroniche italiane. Espressione che si concretizza anche attraverso un processo di competizione in uno scenario internazionale particolarmente agguerrito».

smh technologies
FlashRunnerHS

Quindi genera un vantaggio per voi decisivo?

«Il raggiungimento di un vantaggio competitivo tecnologico è solo il primo passo per eccellere nel mondo della programmazione dei microcontrollori. La sfida continua è mantenere tale vantaggio attraverso non solo investimenti, ma nuove idee e una sana interpretazione dei bisogni presenti nei mercati in cui si opera».

Quali sono gli ambiti di applicazione di FlashRunner?

«Gli ambiti di applicazione sono, dal punto di vista prettamente tecnico, l’esecuzione di una delicata imprescindibile fase nel processo produttivo delle schede elettroniche. Sotto l’aspetto della fruizione impattiamo in tutti i settori che impiegano schede elettroniche intelligenti, ossia automotive, industriale, aerospaziale, medico, white goods ecc.».

In che modo FlashRunner aiuta le aziende?

«FlashRunner risponde alle più alte esigenze nell’ambito produttivo (PCB assembly) realizzando la fase di programmazione dei device richiesti, consentendo la definizione di tutti i parametri compresi in questo processo in maniera integrata e ottenendo nei tempi-ciclo dei risultati sorprendenti. Inoltre ha la capacità di integrarsi nei macchinari più sofisticati che attendono al processo produttivo, creando quindi valore».

SMH Technology
Team

Qual è la marcia in più di SMH?

«SMH Technologies è un’azienda fortemente motivata, forse anche mossa da uno spirito di affermazione, anche laddove considerata di secondo piano. È costituita da un team giovane e dinamico che opera in una organizzazione aperta, in cui le persone sono al centro».

Quanto è importante il settore dei sistemi della programmazione e quanto impatta sul tessuto imprenditoriale?

«Il settore dei sistemi di programmazione riveste un’importanza strategica oltre che a essere imprescindibile, come dicevo prima nei processi produttivi delle schede elettroniche, rimanendo comunque una tecnologia di nicchia. Pensiamo solo che utenti finali quali Tesla, Bosch, Whirlpool o Jabil, la quale ha oltre 100 plant produttivi in 30 Paesi e 260.000 dipendenti, impiegano massivamente i nostri sistemi in tutte le loro linee produttive».

Come si compone il vostro team e quali sono i principi-guida che lo regolano?

«Riallacciandomi a quanto menzionato prima, relativamente alla “marcia di più” il nostro team si compone di un nutrito gruppo di ingegneri, laureati nelle varie specialità inerenti alla nostra tecnologia nelle migliori università italiane. Ricercati e dislocati anche in una sede operativa situata a Milano. Caratterizzati da un forte spirito di gruppo e organizzati di volta in volta alla realizzazione di specifici progetti che vengono sviluppati in azienda. C’è un principio guida che si può sintetizzare in accuratezza e tensione al risultato».

Quali riconoscimenti ha ricevuto SMH per il suo lavoro?

«Il principale riconoscimento che SMH Technologies ha ricevuto arriva sostanzialmente dai propri clienti ed è il riconoscimento della propria competenza e capacità di creare valore. Tuttavia nel corso del 2020 SMH Technologies è stata insignita quale Best Silicon Device In-System Programmer Technology Company 2020 durante i Global Business Awards. Inoltre il recente rebranding aziendale ci ha portato a vincere al Creative Communication Award di Los Angeles come best corporate identity. (www.c2award.com/winners/c2a/2020/4828). Io stesso recentemente sono stato inserito nel prestigioso network Marquis Who’sWho».

Sede SMH Technology
Sede

Qual è la mission di SMH? Come è posizionata SMH a livello globale?

«La mission di SMH Technologies è ricercare e sviluppare tecnologia nel settore dell’In System Programming e correlati. Mantenere il vantaggio competitivo tecnologico e ampliare continuamente la propria presenza nei mercati a livello globale creando valore».

Un percorso iniziato nel 2007 dalla provincia di Pordenone, dov’è SMH Technologies adesso?

«SMH Technologies in realtà nasce con fondamenta di tipo globale, un pensiero cosmopolita, quindi aperto alla conoscenza e all’esempio anche in termini di correttezza, ma soprattutto di indipendenza. Oggi le sedi operative sono, oltre la sede centrale a Pordenone, un R&D center a Milano, uffici di vendita e supporto a Singapore e Chicago, nonché un hub di ricerca in Chengdu, in Cina».

Dove vede la sua azienda fra 5-10 anni?

«Questa domanda, in questo particolare periodo, può trovare molte riserve nella sua risposta. Tuttavia la politica di accorpamenti, anche attraverso forme innovative, come l’industria 4.0 potrà portare a una maggiore radicalizzazione internazionale, anche condizionata dalla politica nazionale connessa all’industria italiana».

INFO: www.smh-tech.com

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.