fbpx
application steve jobs

Torna all’asta la domanda di lavoro di Steve Jobs del 1973

Di
Redazione Millionaire
19 Febbraio 2021

Dopo appena tre anni, torna di nuovo all’asta la domanda di lavoro compilata e firmata da Steve Jobs nel 1973. Nel 2018 era stata battuta a circa 175mila dollari dalla RR Auction di Boston, aggiudicata da un imprenditore in inglese. Adesso torna in vendita tramite la società britannica Charterfields. L’asta si svolgerà a Londra tra il 24 febbraio, giorno del compleanno del co-founder di Apple, e il 24 marzo. La base è di 15mila sterline (tre anni fa le offerte partivano da 5000 dollari).

Jobs a 18 anni, alla ricerca del primo lavoro

Nel 1973, l’allora 18enne Steve Jobs cercava lavoro come tecnico di elettronica o ingegnere progettista. È stato lui a compilare a mano l’application, anche con qualche errore ortografico (come la minuscola del cognome). Nessuna esperienza pregressa. Alla voce indirizzo, Jobs scrive “Reed College”. Quell’istituto di Portland, nell’Oregon, che lasciò dopo il primo semestre per aiutare i suoi genitori economicamente. Telefono: “nessuno”. Patente di guida: “sì”. Accesso al trasporto? “Possibile, ma non probabile”.

Tra le competenze, computer e calcolatori ( “design” e “tech”, scrive Jobs tra parentesi con tanto di frecce). E specifica poi le abilità speciali in “tecnologia elettronica o ingegnere progettista-digitale”.

Nel 1976 fonda Apple insieme a Steve Wozniak

Non è noto a quale azienda fosse indirizzata l’application. Si sa invece che di lì a poco, nel 1974, il futuro genio della Apple sarebbe entrato come tecnico alla Atari. Un anno dopo iniziò a collaborare con Steve Wozniak. Anche l’amico aveva abbandonato l’università, il prestigioso ateneo di Berkeley, e in quel periodo lavorava alla Hewlett Packard. Insieme nel tempo libero iniziarono a progettare un personal computer. Jobs convinse Wozniak a metterlo in commercio. Così nacque Apple.

«Abbiamo fondato Apple nel garage della casa dei miei genitori quando avevo 20 anni. Abbiamo lavorato duramente e in 10 anni Apple è passata a essere una compagnia da 2 miliardi di dollari con più di 4000 dipendenti» raccontò Jobs nel celebre discorso agli studenti di Stanford. Trovate qui la sua storia.

Le big-tech e la Global minimum tax europea

Le multinazionali non potranno più eludere la tassazione sul reddito prodotto nei Paesi Ue   Dal 1° gennaio 2024 entrerà in vigore la Global minimum

Le aste per chi ha soldi da buttare

Il toast avanzato del cantante e attore Justin Timberlake è stato venduto all’asta su eBay per $ 1.025.   Di recente il modello meccanico di

Cover story: passion economy

Che cosa c’è di meglio che trasformare le proprie passioni in un reddito? È questo il paradigma che si sta delineando e prende il nome

Christie’s vende le scarpe dei vip

Christie’s ha lanciato un nuovo dipartimento per il mercato in forte espansione delle sneakers da collezione, dello streetwear e della storia dello sport Il “Department

Big Tech

La “grande infestazione” delle Big Tech

Apple, Google, Microsoft chiamate sempre più spesso a riparare le falle nei propri programmi Il mese di luglio è appena terminato e, almeno per alcuni

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.