Tutela del patrimonio aziendale, ci pensa Capta

Capta società per la tutela del patrimonio aziendale

L’importanza di affidarsi a dei veri professionisti per proteggere il patrimonio aziendale.

Tra contraffazioni, frodi, dipendenti sleali e quant’altro, quello della tutela del patrimonio aziendale è un tema di cui non si parla molto, ma crea alle imprese danni non indifferenti. Affrontare questi nodi è un problema complesso e per affrontarli è bene rivolgersi a professionisti esperti. Ne abbiamo parlato con Emilio Gasparro, fondatore di Capta, società specializzata nella difesa del patrimonio delle aziende.

Qual è il tema portante dell’attività svolta da Capta?

Emilio Gasparro, fondatore di Capta
Emilio Gasparro, fondatore di Capta

«In uno scenario in cui il know-how e il patrimonio aziendale sono poco tutelati da comportamenti dannosi anche involontari e in cui spesso si sottovaluta l’effettiva fedeltà di collaboratori, fornitori e partner, con l’attività di Capta ci prefiggiamo di intervenire a supporto delle aziende, sostenendole all’interno di un processo teso al miglioramento dei flussi aziendali, al fine di ottimizzare tutte le risorse coinvolte, considerandole sotto un punto di vista sistemico, dove ogni parte contribuisce al corretto funzionamento dell’insieme: il tutto teso verso lo scopo finale che è la tutela del patrimonio aziendale inteso in senso globale».

Quali sono le dimensioni del fenomeno nel nostro Paese?

«Uno dei problemi in grado di provocare forti costi diretti e indiretti all’azienda è l’assenteismo. Questi i dati relativi ai permessi ex Legge 104/1992 (dati Ufficio Studi della CGIA di Mestre):

  • Dal 2012 al 2016 i beneficiari (dipendenti privati) dei permessi 104 sono aumentati del 30%.
  • La spesa dei permessi incide sul Pil attuale per l’1,9%, che diventerà 3,2% nel 2060.
    Nel settore privato i costi della 104 ammontano a 1,3 miliardi di euro.
  • Nel 2015 nel pubblico impiego sono state registrate il 57% di assenze per malattia, nel settore privato il 38%.
  • La durata media annua dei giorni di malattia è 18,4 nel privato e 17,6 nel pubblico.
  • Nel settore privato 1 dipendente su 3 si assenta per malattia, mentre nel pubblico più di 1 su 2.

Altro esempio importante è la contraffazione: secondo Coldiretti i prodotti italiani contraffatti, oltre a danneggiare il Made in Italy, sono la causa della perdita di circa 300mila posti di lavoro, con un’incidenza negativa sul fatturato delle imprese italiane del settore per circa 60 miliardi di euro. Infine, nel 2018 almeno l’87% delle aziende con più di 50 dipendenti sul territorio nazionale ha avuto problematiche inerenti almeno a uno dei settori di nostra competenza».

Quali sono i punti di forza di una società come Capta?

Capta società per la tutela del patrimonio aziendale«Capta rappresenta l’innovazione del concetto di investigazione attraverso l’unione sinergica di attività investigative, tecnologiche, consulenziali e formative, rivolte alla tutela del patrimonio aziendale nel senso più ampio del termine. Ci avvaliamo, pertanto, di professionisti specializzati nei singoli settori d’interesse, quali avvocati, commercialisti, analisti, consulenti, formatori, tecnici informatici e investigatori. Inoltre abbiamo costituito una sezione che si occupa di ricerca e sviluppo, finalizzata a individuare nuove soluzioni per la tutela del patrimonio aziendale. A tal proposito abbiamo creato un sistema innovativo utile e necessario per combattere il fenomeno della contraffazione e per la protezione del brand. Si tratta di una piattaforma web mediante la quale è possibile identificare ogni singolo prodotto, rivelarne l’origine e i tentativi di contraffazione effettuati».

In particolare, quali sono i campi d’azione di Capta?

«Capta opera in Italia e all’estero e garantisce una copertura capillare sul territorio nazionale. In ambito aziendale ci occupiamo di vari aspetti, ad esempio: il licenziamento per giusta causa, lealtà e affidabilità di fornitori, dipendenti e partner, sottrazione di dipendenti e distrazione della clientela, tutela della patrimonio aziendale, clima aziendale, violazione del patto di non concorrenza, frodi assicurative, antiriciclaggio.
Vorrei spendere due parole sul fenomeno delle frodi assicurative. Negli ultimi anni, la crisi economica che grava sul nostro Paese ha trasformato questo problema in un vero e proprio ammortizzatore sociale. Le frodi, poste in essere da assicurati disonesti, spesso grazie alla complicità di professionisti del settore (avvocati, medici, periti ecc.), sono architettate allo scopo di guadagnare illegalmente denaro simulando incidenti stradali, incendi, rapine ed eventi di questo genere. Il legislatore, con il Regolamento n. 44/2012, ha consentito alle compagnie assicurative di dotarsi delle strutture e delle risorse necessarie per monitorare e contrastare le frodi. Non sempre, tuttavia, i modelli organizzativi predisposti dalle imprese assicuratrici risultano perfettamente funzionali allo scopo, poiché spesso difettano della necessaria coordinazione operativa. Capta fornisce alle compagnie assicurative la propria “Unità Antifrode”, un team di professionisti con specifiche competenze in materia, con l’obiettivo di prevenire, contrastare e predisporre iniziative per la repressione delle frodi».

Che tipo di competenze è in grado di mettere in campo Capta?

Capta società per la tutela del patrimonio aziendale«Nello svolgimento dei nostri incarichi ci avvaliamo di un pool di professionisti con comprovata esperienza, provenienti dal settore di riferimento, in grado non solo di applicare un know-how, ma di trasferire competenze che possano mettere l’intero organico aziendale in grado di operare in modo armonico ed efficace. Ogni singola competenza viene armonizzata in un processo unico che parte dalla definizione dell’obiettivo, passa per l’analisi dello scostamento rispetto alla situazione attuale e implementa soluzioni di ottimizzazione che non riguardano soltanto processi e materiali, ma anche la formazione dei collaboratori, orientata all’allineamento con il nuovo livello di efficienza raggiunto».

Quali vantaggi, economici e non, offrono alle aziende i servizi di Capta?

«Molto spesso si sente parlare di qualità intesa in senso trasversale, concetto ben al di là del semplice controllo di qualità o dell’ottemperanza a procedure scritte. Il prodotto finale del nostro intervento è un organico aziendale orientato alla qualità globale, che contribuisce alla diminuzione di sprechi, all’orientamento al cliente da parte di tutti i collaboratori e funzioni e quindi alla tutela in senso attivo e partecipativo del patrimonio aziendale».

INFO:
Capta Srl, tel. 0444 1343230
www.captasrl.com
info@captasrl.com

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.