Vivere con lo sguardo verso il futuro

1239
Vivere Real Estate
Michele Fonnesu e Donato Cutecchia, cofounder di Vivere Real Estate.

Vivere Real Estate è una società capitolina sorta dalla decennale esperienza dei due imprenditori fondatori nell’ambito della consulenze personalizzate e intermediazione in ambito immobiliare.

L’importanza del vivere bene, è risaputo, si declina soprattutto nella scelta dell’ambiente domestico. Una scelta decisiva per moltissime persone. Nella nostra casa passiamo la maggior parte del tempo e la scegliamo poche volte, nel corso di una vita. È indispensabile pertanto che una decisione così importante richieda l’affiancamento di un team mosso da passione, serietà e volontà di innovare. Questo partendo dalla consapevolezza che il bene più prezioso per l’uomo è la sua vita e la qualità con cui viene vissuta. In questo caso possiamo dire nomen omen, dato che l’azienda di cui parliamo si chiama Vivere Real Estate. Creata da Michele Fonnesu e Donato Cutecchia, supporta il cliente nell’intero processo di vendita, locazione e ricerca dell’immobile, offrendo anche servizi personalizzati. Vivere si occupa della vendita e locazione di immobili residenziali e commerciali principalmente a Roma, ma opera su tutto il territorio nazionale. Per saperne di più su Vivere e sul momento attuale dell’immobiliare abbiamo raggiunto Donato Cutecchia e Michele Fonnesu, i due soci di Vivere Real Estate.

Come è nata la collaborazione che vi ha portato a fondare Vivere Real Estate?

(Michele Fonnesu) «La nostra collaborazione è nata anni fa, io e Donato ci siamo conosciuti all’interno di un’altra azienda che si occupava di intermediazione immobiliare, dalla stima reciproca è nata una grande amicizia che ci ha portato in primis a lavorare nello stesso team e successivamente, in pieno lockdown, l’esigenza di intraprendere un nuovo percorso di vita, caratterizzato da una visione più innovativa, più professionale (da qui l’esigenza di creare uno specialista esperto di materie legali, urbanistiche, catastali, con elevate capacità negoziali e linguistiche) aperta ai mercati immobiliari esteri, più incentrata sul digitale, il green e i valori umani».

Quali i valori su cui si basa Vivere?

(M. F.) «La nostra azienda è come un immobile: si fonda su professionalità ed esperienza, si erige grazie a energia e visione d’avanguardia, è cementata da passione e green vision, è rinsaldata da trasparenza ed etica, professionale e personale».

Vivere Real Estate
Una parte del team di Vivere Real Estate durante una riunione.

Qual è la situazione attuale del mercato immobiliare?

(Donato Cutecchia) «In linea di massima, si può dire che il mercato al momento è vivace, le compravendite rispetto allo stesso periodo del 2020 sono aumentate, ma c’è anche da considerare il periodo di lockdown in cui tanti atti sono slittati e altri annullati. Per quanto riguarda i prezzi, nonostante ci sia stata una flessione positiva post-Covid, sono ancora in diminuzione. Se invece ci focalizziamo sul residenziale, possiamo affermare che è cambiata la tipologia richiesta e la geolocalizzazione. Al momento le priorità sono gli immobili con spazi esterni vivibili e la tendenza è quella di rivalutare le zone fuori dai centri, magari vicino al mare o ai parchi. Inoltre riscontriamo grande interesse da parte di investitori esteri per importanti strutture ricettive».

Quali sono i servizi che Vivere offre ai clienti?

(D. C.) «I servizi che offriamo sono molteplici, distinguiamo principalmente 4 tipologie. Quelli legati al reparto di agency, quelli finanziari, al momento in fase di sviluppo, servizi di ristrutturazioni, servizi di hospitality. Poi abbiamo il reparto dedicato agli Investimenti esteri».

Possiamo approfondirli uno a uno?

Vivere Real Estate
Cliente in Virtual Reality
di un immobile.

(M. F.) «Certo. Tra i servizi di agency troviamo il property finder, figura importante perché deve avere conoscenze del mercato del territorio, legali e tecniche imprescindibili. Poi la due diligence legale e urbanistica, garantendo la massima tutela in fase di vendita e acquisto. Deve verificare l’affidabilità della controparte o dell’inquilino, il patrimonio immobiliare e la sua solvibilità sia che si tratti di persone fisiche o giuridiche. Offriamo photo shoot e virtual tour di alta qualità, mettendo in risalto i punti di forza dei nostri immobili e marketing personalizzato, ottenendo lead generation di qualità. Diamo anche la possibilità, grazie a un software integrato all’interno del nostro sito, di effettuare, comodamente da casa, una valutazione attendibile del bene. Far comprendere il reale valore di mercato del proprio bene, è il primo passo per una vendita di successo».

E l’hospitality?

(M. F.) «Negli anni ci siamo specializzati anche nella vendita di strutture ricettive, dai classici affittacamere sino ad alberghi di alto profilo. Supportiamo il cliente in tutte le fasi del processo di acquisto/vendita, tutelando e semplificando le procedure burocratiche, ma soprattutto consigliando al meglio l’investimento più vantaggioso e redditizio. Inoltre, spinti anche dalla passione del turismo e data la nostra collocazione a Roma, città che vive di turismo, grazie a un pool di esperti la Vivere Real Estate si occupa anche di gestire, per conto di investitori e imprenditori turistici, in maniera sicura e professionale la propria struttura, massimizzando il ritorno dell’investimento.
Offriamo inoltre consulenze online in modo da poter aiutare anche le persone che si trovano a distanza».

Quali sono i rischi connessi alle compravendite?

(D. C.) «Il rischio più grande è quello di perdere tutto, promettendo in vendita un bene che ha limitazioni, vizi, difformità o gravami. Spesso le persone credono sia tutto perfettamente conforme e libero, ma nell’83% dei casi non è cosi. Ci si potrebbe scrivere un libro con questa risposta, ma sarò sintetico. Le compravendite possono nascondere rischi di diversa natura. Possiamo suddividerli in due macro-classi: di carattere urbanistico e legale».

Ce li spieghi?

(D. C.) «Quelli di carattere urbanistico, riguardano la difformità tra ciò che è stato approvato dal competente ufficio comunale e ciò che è stato effettivamente realizzato sia in termini planimetrici, di cubatura e destinazione d’uso. I rischi di natura legale sono tanti, bisognerebbe distinguere se il soggetto venditore è una persona fisica o giuridica. Per le persone fisiche bisogna analizzare bene i titoli di provenienza ovvero i titoli attraverso i quali il venditore e i suoi “dante causa” sono diventati proprietari. Ci sono titoli che per loro natura rendono la proprietà “più vulnerabile” e altri che al loro interno contengono vincoli, pesi, gravami o altre limitazioni della proprietà. Nelle grandi città bisogna prestare molta attenzione anche alle convenzioni comunali, che spesso contengono limiti tra cui il prezzo di vendita imposto. Un altro aspetto fondamentale è un’attenta analisi delle trascrizioni effettuate sull’immobile presso la Conservatoria dei Registri immobiliari, in quanto ci possono essere trascrizioni a favore di altri soggetti o pignoramenti in corso.
Se il venditore è una persona giuridica, oltre alle sopracitate cautele, è bene analizzare la società, i bilanci e accertarsi non abbiano carichi pendenti, in quanto gli immobili comprati da queste società possono essere aggrediti dai creditori della società venditrice».

Quali gli errori più comuni che riscontrate nelle compravendite?

(M. F.) «Senza dubbio le difformità urbanistiche».

Che obiettivi si prefigge Vivere?

(D. C.) «L’obiettivo che ci siamo prefissati è l’espansione sul territorio romano, ma con sedi distaccate sulle principali città nazionali come Milano, Venezia, Bologna, Napoli e Cagliari. Stiamo lavorando anche su altri progetti, sempre legati al real estate, che vi diremo in futuro. Una novità che abbiamo introdotto è che accettiamo anche pagamenti in bitcoin per le nostre commissioni».

Qual è l’incarico che ora più vi affascina e perché?

(M. F.) «Per lo sviluppo che può generare in termini di lavoro e turismo, l’incarico che più ci affascina è un terreno edificabile in Sardegna, vicino Olbia, di oltre 70 ettari che gode di una vista meravigliosa sul golfo. Chi lo acquisterà potrà sviluppare un fantastico progetto che prevede al momento 70 ville, 2 alberghi e un grande polo commerciale».

INFO: www.vivererealestate.it

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.