3 consigli per fare un business da AuLAB, startup che forma gli imprenditori del futuro

1
3048

Una startup che forma gli imprenditori del domani. Questo il progetto di Davide Neve, 33 anni, studi in economia aziendale, un periodo di formazione in California. E poi il ritorno e in Italia e dare vita ad AuLAB: «Aiutiamo i ragazzi a lanciare una loro idea e imparare come portarla sul mercato» spiega Davide a Millionaire.

L’idea nasce da una startup school, in linea con quelle americane, che Davide stava cercando di realizzare in Italia con partner d’eccezione come il compianto Marco Zamperini. Poi la necessità di trovare fondi lo spingono a cercare nuove strade: «Sono tornato in Puglia e ho capito che avevo bisogno di trovare subito un modello per fare soldi. Allora mi sono messo a cercare sponsor, bandi per finanziarmi , e scuole che potevano essere interessate al progetto».

foto aulab 3

In Puglia forma il team (oggi condividono la sua avventura Francesco Schettini, Giancarlo Valente, Nunzio Gianfelice, Gaia Assenti). E cerca soldi per partire partecipando al bando Valore Assoluto: 70mila euro per avviare l’attività.

Lo scorso anno hanno partecipato ai loro corsi 25 scuole, 5mila studenti e 5 regioni coinvolte: «Abbiamo diversi corsi (su stampa e modellazione 3D, programmazione, video e content  marketing..). Il corso base dura otto ore dove spieghiamo come passare dall’idea all’impresa, fare un business plan, come andare sul mercato, trovare partnership e soldi. Lavoriamo sui modelli di lean startup e business model canvas. I migliori progetti vengono poi inseriti in competizioni nazionali e presentati a investitori».

foto aulab 5

In pochi anni, Davide ha creato partnership con investitori (Gianluca Dettori di dpixel), Fondazioni (Cariplo), programmi  innovativi per startup come Barcamper, siti di crowdfunding (Produzioni dal Basso), associazioni come Techgarage, spazi di coworking  (Impact Hub), multinazionali (Microsoft): «I profitti nascono con le sponsorizzazioni, lavorano con fondi pubblici, i PON per la scuola. E tra breve realizzeremo attività a pagamento con le coding school per aiutare i ragazzi a diventare professionisti della programmazione».

Molte le realtà interessanti venute fuori nell’attività dello scorso anno di AuLab come Biogenerix, il progetto per trasformare la Terra dei Fuochi in una fonte di energia produttiva. Un obiettivo da perseguire prima con la coltivazione e la vendita di semi vegetali a aziende che utilizzano biocarburante, poi con la produzione di prodotti finiti. Starwork GC, una software house per sviluppare i videogames grazie a un visore Oculus Rift e creare realtà virtuali. Un team di 54 persone in tutto il mondo. Ironclock, un team giovanissimo propone un dispositivo rivolto a ciechi, anziani e ipovedenti che consente di accedere a tante funzionalità grazie ai comandi vocali. Leggi qui.

foto aulab 2

Ecco tre consigli di Davide per chi vuole trasformare un’idea di business in un’impresa

1. Cerca subito il mercato.  «Non aspettare finanziamenti. Parti con ciò che hai. Vendi in piccolo, rendi l’idea concreta. Giusto sognare, ma se non fai soldi la strada è breve».

2. Trova partner forti.  «Da solo non vai da nessuna parte. Associazioni di settore, fondazioni, coworking, aziende strutturate. Trova chi sul territorio può essere interessato alla tua idea, capisci come potrebbe aiutarti, ma soprattutto come tu potresti aiutare lui»

3. Migliora il prodotto e i soldi arriveranno. «Se hai svolto bene le fasi precedenti, avrai un prodotto che esiste e un network di contatti solido.In questo modo porterai gli investitori a interessarsi del tuo progetto».

INFO:  http://www.aulab.it/

Giancarlo Donadio

Vuoi saperne di più? Ecco il Kit di Creaimpresa…

Kit_Creaimpresa_Attività_formazione

http://www.creaimpresa.it/partner/avviare_attivita_formazione_pt.php?bid=663

Clicca qui per scoprire come avviare un’attività di organizzazione di corsi di formazione…

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

  1. Il team di AuLAB è fenomenale. Riesce a fare da ponte con estrema facilità a due mondi che sembrano davvero distanti tra loro: quello della scuola e quello dell’imprenditoria. Essendo il CEO di StarworkGC, ho avuto direttamente a che fare con loro e mi hanno insegnato davvero moltissimo.
    Forza Davide e forza AuLAB, continuate così!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.