A Milano casting per diventare star del Web

6232

Parte da Milano, il tour itinerante alla ricerca delle nuove star di YouTube. L’iniziativa, promossa dall’agenzia Web Stars Channel, lancia audizioni per scovare talenti del video in Italia.

La prima tappa si svolgerà a Milano, presso i Giardini di Porta Venezia. I candidati dovranno presentarsi il 24 maggio dalle 11 alle 13 per iscriversi alle audizioni. Dalle 14 alle 18 le audizioni e saranno giudicati da alcuni tra i più famosi YouTuber italiani – Favij, Fancazzisti Anonimi, Leonardo Decarli, Zoda, Homyatol, Richard HTT e Fraffrog – che dispenseranno consigli ed esprimeranno giudizi tecnici su montaggio, scenografia e fotografia.

Il vincitore della prima tappa, scelto tra 25 partecipanti, accederà alla finale nazionale per vincere un contratto con la Factory di Web Stars Channel. Inoltre, il suo video sarà pubblicato su Wired.it

Previsti anche altre tappe e casting online. Per restare aggiornati collegarsi alla pagina Facebook dell’iniziativa.

Come  diventare una star del Web?  Lo abbiamo chiesto a Giulio Gaudiano, imprenditore  e consulente di marketing digitale: è l’autore del libro YouTube Business. Marketing ed editoria con i video online. Ecco i suoi consigli.

1. Studia il mercato. «Bisogna capire quali sono i video di successo, gli argomenti di richiamo, i trend vincenti. YouTube mette a disposizione tutorial gratuiti online per realizzare video, rilascia attestati e ai migliori dà anche risorse per formarsi ulteriormente. Ha realizzato un vero e proprio hub per creativi. Tutti gli strumenti e le informazioni qui: https://www.youtube.com/yt/creators/it/creator-benefits.html

2. Butta giù l’idea. «Bisogna avere un progetto semplice, immediato che si possa spiegare anche al panettiere. Come trovarlo? Funzionano i tutorial, cioè i video che insegnano a fare qualcosa. Per trovare i trend vincenti (http://www.google.it/trends/?hl=it. Dopodiché bisogna dare un valore al proprio progetto (risponde a una necessità reale?), identificare il target (a chi possono interessare i nostri contenuti?), fare ricerche di mercato sul Web e infine, iniziare a parlarne con i nostri amici (dimostrano interesse?)

3. Apri il canale «Aprire un canale YouTube è semplice e immediato, ma non banale. In primo luogo, bisogna identificare un brand e scegliere se usare il proprio nome o uno di fantasia. Fondamentali grafica e immagine, che devono essere professionali e di qualità».

4. Procurati l’attrezzatura. La buona notizia è che bastano una webcam e uno smartphone. Molti temono che la qualità non sia all’altezza, ma su YouTube vanno forte i video amatoriali. Quello che è importante è la qualità del suono. Per fare bei video HD basta una webcam da 60 euro. Il passo successivo è procurarsi una fotocamera Reflex che dia la possibilità di cambiare gli obiettivi. Alla videocamera si possono (gli addetti ai lavori consigliano una Canon, 500 euro circa) si possono aggiungere luci a led, cavalletto e microfono per un investimento totale intorno ai 1.000 euro.

5. Buttati nella mischia. «L’importante è cominciare, senza preoccuparsi di realizzare video perfetti. La qualità è importante, ma ben più importante è la forza delle idee. Il tempo è un alleato» continua Gaudiano.

6. Abilitati alla monetizzazione. «Per diventare partner di YouTube, quindi guadagnare dai propri video, non devi fare altro che chiederlo a YouTube nella sezione dedicata ai partner. La risposta dipende dal numero di visualizzazioni dei propri video, potenzialità del canale, attrattiva del tema, assenza di notifiche per violazione di copyright».

7. Scegli il modello di business. a) Pubblicità. Per ogni video, si può scegliere il tipo di pubblicità (spot, banner), la sua collocazione (prima, dopo, durante) e la tipologia (saltabile o meno). Una quantificazione attendibile. Un euro di guadagno ogni mille visualizzazioni. Il pagamento è mensile, via bonifico.

b) Affiliazione ad Amazon. Chiunque può registrarsi e ottenere un proprio codice. Si guadagna dal 5 al 15% di tutto quello che le persone sono andate su Amazon su nostro consiglio hanno acquistato.

c) Product placement. E’ possibile trovare in prima persona le aziende che potrebbero essere interessate a pubblicizzare i prodotti sul nostro canale.

d) Marketing aziendale. Consulenti, professionisti, artigiani, possono aprire un canale e promuovere i loro servizi.

Redazione

(In foto C’è PewDiePie, pseudonimo del 25enne svedese Felix Kjellberg, che dal 2010 posta video su YouTube, testando video games: 32 milioni di fan e un guadagno di 4 milioni di dollari all’anno)

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteGeni crescono: 18enni diventano “grandi” con le nanoparticelle
Prossimo articoloLavoro: ecco le professioni più richieste

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.