fbpx

A Roma si fabbricano startup

In un’ala della stazione di Termini è nato uno spazio di 1.500 metri quadrati con 120 postazioni di lavoro. È la fabbrica delle startup che Luigi Capello, fondatore dell’incubatore Enlabs, ha inaugurato con l’Università Giudo Carli.

Si chiama Luiss Enlabs e punta a diventare un luogo di creatività aperto a chi ha un’idea originale e utile, soprattutto a giovani universitari, o a chi semplicemente cerca uno spazio di coworking per sviluppare la propria attività. In soccorso ai giovani startuppari, ci saranno professionisti dell’incubatore (10 mentor in tutto) e i finanziamenti (30mila euro) che ogni sei mesi andranno alle startup selezionate dal team di Enlabs:

La prossima “call” (concorso) per startup partirà a inizio maggio. Si partecipa gratuitamente iscrivendosi sul sito» spiega Luigi Capello a Millionaire.

Lo spazio è aperto a tutti?

Sì. Chi cerca uno spazio di coworking con tutte le attrezzature paga una quota mensile e diventa subito operativo (300 euro a postazione, ridotto all’aumentare del numero di persone, per esempio 800 euro per 4 persone). Chi cerca invece aiuti e finanziamenti può partecipare alle nostre selezioni e iniziare il programma di accelerazione».

Quali sono i vantaggi?

Offriamo una formazione rapida. Nel giro di quattro-cinque mesi le startup selezionate riescono a portare il loro prodotto sul mercato. Abbiamo dieci mentor, con esperienza imprenditoriale e in più settori. Ai 30mila euro che offriamo vanno ad aggiungersi i finanziamenti che nascono dal contatto diretto con gli investitori. Ricordo che per entrare sul mercato occorrono da 300mila a 500mila euro».

Quali sono i 3 errori che commettono gli startuppari?

1) Scelta sbagliata della struttura dei soci. In molti decidono di dividere i guadagni della società in parti uguali senza tener conto del peso specifico che ognuno ha all’interno del progetto, laddove la distribuzione degli utili dipende dalla responsabilità che ognuno ha nel progetto. 2) Un’errata concezione del capitale: molti pensano che trovare i fondi sia la soluzione al problema. Al contrario, è un altro problema che s’aggiunge ai precedenti poiché avranno un partner a cui spetterà una quota dei guadagni. 3) Assenza di attrezzature tecnologiche per sviluppare la propria idea».

INFO: http://www.enlabs.it/

Giancarlo Donadio

Wsense: la startup che monitora gli oceani

La startup italiana è stata definita “azienda più innovativa al mondo” dal World Economic Forum.   Wsense, startup italiana a guida femminile, è stata definita

Smau 2023 sbarca a San Francisco

Dopo il successo di Milano, il programma della nuova stagione con l’esordio a maggio in California.   Smau, la fiera italiana numero uno in tema

Torino: l’incubatore delle startup

Come fare parte di OGR Tech e accedere ai programmi di accelerazione accanto ai giganti dell’innovazione   Un edificio industriale dismesso, una fondazione che ha

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.