«Produco i calzini di bambù che aiutano i gorilla»

5548
calzini di bambù

Due esperti di finanza disegnano le calze eco-friendly e aiutano a salvare le specie in via di estinzione.

Da colleghi in una banca d’affari a Londra a startupper. Con un occhio al business e l’altro al Pianeta. Gianluca De Stefano e Gavin Kamara vendono calzini di design, prodotti con una innovativa fibra di bambù.

«L’idea è nata in Asia: è lì che il mio socio Gavin ha scoperto la fibra di bambù. Versatile, morbida e resistente» racconta Gianluca De Stefano, 33 anni, napoletano a New York. «Abbiamo investito 15mila dollari: disegniamo le calze che vengono prodotte in Cina e poi vendiamo».

La loro startup si chiama Gorilla Socks. «Devolviamo il 10% dei ricavi al “The Dian Fossey Gorilla Fund International”, per contribuire alla salvaguardia dei gorilla».

In 7 mesi, hanno venduto 1.500 paia di calze (15 dollari l’uno). La difficoltà? «Farci conoscere. Siamo andati in giro porta a porta per molti negozi. Ma oggi distribuiamo a Miami e New York. Abbiamo puntato moltissimo anche sul marketing online con Instagram. Un consiglio ai giovani? Segui la tua passione, ma non buttarti a capofitto in un business. Valuta ogni dettaglio».

INFO: www.gorilla-socks.com

 

Tratto da Millionaire di luglio 2017.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteDiva, la startupper italiana che porta il sole in casa
Prossimo articoloArriva la laurea in Internet of Things

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.