«Comprate una scheda Arduino. E ogni sera guardatevi un TED»

0
6535

«Siamo nel pieno della quarta rivoluzione industriale. È iniziata nel 2010, sarà compiuta entro il 2030». Massimo Temporelli, divulgatore scientifico, fondatore di TheFabLAb (www.thefablab.it), il primo laboratorio di fabbricazione digitale di Milano, ai ragazzi del liceo scientifico Vittorio Veneto di Milano consiglia di non perdere tempo, e prepararsi subito ad affrontare il nuovo mondo che è già realtà.

 

Dalla preistoria a oggi

«La conoscenza ha sempre avuto un andamento esponenziale, ma ci sono stati dei momenti in cui ha compiuto un salto: sono le rivoluzioni. La prima è avvenuta nella preistoria quando, con la rivoluzione agricola, all’attività di caccia e di raccolta dell’Homo sapiens si sostituì la capacità di coltivare. Poi alla fine del 1700, con l’invenzione della macchina a vapore di James Watt, nell’800 con l’elettricità di Thomas Edison, e alla fine del 900 con i computer di Steve Jobs e il World Wide Web di Tim Berners Lee. Ora stiamo vivendo la quarta rivoluzione» spiega Temporelli.

Rivoluzione 4.0

A differenza delle precedenti, che erano legate a una specifica invenzione, la quarta rivoluzione industriale è caratterizzata dalla presenza contemporanea e dall’interazione di diverse tecnologie: dalla robotica all’intelligenza artificiale, dall’Internet of Things ai Big data, dalla digital fabrication alla stampa 3D. Tutti pensano che riguardi solo la fabbricazione di cose invece non è così: interessa ogni aspetto della nostra vita: da come guideremo a come cucineremo, puliremo la casa o ci cureremo.

I consigli

«Quando ho visto il primo computer non avrei mai pensato che sarebbe stato un oggetto così centrale per la vita di tutti. Ero nel pieno della terza rivoluzione industriale e non me ne rendevo conto. L’Italia non ha preso parte a questa rivoluzione, l’economia che ruota intorno a computer e Web è lontana da qui. Ma ora ne stiamo vivendo un’altra, e non dobbiamo assolutamente perdere l’occasione per cavalcarla. I consigli?»

  1. «Studiate, informatevi, siate curiosi. Se la scuola non forma su queste materie, partite da voi stessi. Comprate una scheda Arduino. Costa solo 23 euro. Vi darà le basi per capire come funziona un oggetto elettronico. Guardate ogni sera un TED, la conferenza di 10 -15 minuti tenuta dalle persone che stanno cambiando il mondo. Partecipate agli hackathon, frequentate i fablab».
  2. «Imparate a trattare le materie che studiate a scuola in maniera interconnessa tra di loro: la matematica, la scienza, la fisica sono collegate con la storia e la filosofia. Il primo a capirlo è stato Leonardo da Vinci. Oggi c’è Elon Musk. Non pensano di voler inventare qualcosa. Vogliono cambiare il mondo».

Dal numero di aprile Massimo Temporelli sarà presente su Millionaire con una rubrica fissa sulla Rivoluzione 4.0. Stay tuned!

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.