«Così ho creato l’agenzia immobiliare ibrida»

1
4279
rockagent

Punta su una formula ibrida RockAgent, agenzia immobiliare fondata nel 2018 da Daniel Debash, 32 anni, romano, studi ed esperienze internazionali, una passione per il real estate. «All’estero mi sono imbattuto in nuove agenzie immobiliari, più tecnologiche e innovative. Così ho passato le notti a documentarmi. Alla fine, mi sono licenziato, rinunciando a uno stipendio da manager. Un doppio salto nel buio, con due bambini piccoli».

L’idea: unire l’efficienza della tecnologia all’esperienza degli agenti immobiliari. Una piattaforma e un’applicazione mobile permettono agli agenti di ottimizzare il lavoro, seguire i clienti e concludere le trattative in modo smart, senza una sede fisica. RockAgent offre agli agenti strumenti digitali per garantire ai clienti un servizio di alto livello: consulenza dedicata dalla valutazione dell’immobile al rogito, foto professionali, virtual tour, visibilità sui portali immobiliari, assistenza legale e controlli urbanistico-catastali.

Il modello di business è ispirato all’intermediazione digitale a tariffa flat, popolare all’estero. I venditori pagano un fisso di 495 euro anticipati oppure 995, solo in caso di vendita. Gli acquirenti corrispondono una fee che varia dal 2 al 3%, a seconda del Comune.

«Sono partito con una presentazione in Power Point. Aver lavorato in Immobiliare.it e
LuxuryEstate mi ha permesso di trovare nella rete di conoscenze i primi finanziatori. Dopo,
ci siamo attrezzati con un sito Internet e una prima rete di agenti». A fine giugno sono arrivati 3 milioni di euro, da un pool internazionale di business angel. «Investiremo i soldi in tecnologia (in particolare su realtà virtuale, elaborazione di big data e centralizzazione dei processi di gestione), marketing (soprattutto digitale), ampliamento dello staff (lavorano con noi 50 persone, di cui 36 agenti) e nuove aperture. Entro il 2020 contiamo di arrivare nelle prime 20 città italiane».

Consigli per chi vuole operare nel settore?

«Studiate, agite. Il settore è fermo agli anni 90. Gli strumenti tecnologici sono un’occasione da non perdere!» conclude Debash. La società, attiva a Roma e Milano, è in espansione nazionale e intende reclutare 500 agenti nei prossimi 5 anni.

INFO: www.rockagent.it

Tratto dall’articolo “PropTech: la tecnologia rivoluziona il settore immobiliare” pubblicato su Millionaire di dicembre-gennaio 2020. 

PropTech immobiliare
L’apertura dell’articolo pubblicato su Millionaire di dicembre-gennaio 2020.
Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.