«Così ho progettato il braccialetto che ha stregato il Mit»

2
6227

Matteo Lai, 32 anni, con due compagni di università ha sviluppato un software che monitora le funzioni fisiologiche.

È il più piccolo braccialetto al mondo per monitorare le funzioni fisiologiche: battito cardiaco, sistema nervoso, stress. Grazie a dei sensori, e a un’App che permette di visualizzare i grafici relativi a queste funzioni. Si chiama E3 ed è il prodotto di punta di Empatica, startup creata nel 2011 da Matteo Lai, 32 anni con Simone Tognetti e Maurizio Garbarino, ex studenti di architettura al Politecnico di Milano e di Torino.

Come è nata l’idea?

«Al Politecnico di Milano abbiamo studiato materie che riguardano l’interazione tra l’uomo e il computer. Nel 2009 abbiamo costruito un software che potesse riconoscere gli stati emotivi nella vita quotidiana. Volevamo che queste misurazioni avvenissero in mobilità, così abbiamo costruito il braccialetto. Al primo prototipo ne sono seguiti altri sempre più piccoli: l’E3 è l’ultimo, e quello che abbiamo venduto di più, circa 500 pezzi alle più importanti università del mondo e agli ospedali. Monitora non solo gli stati emotivi ma quelli fisiologici. Quando il braccialetto è arrivato al Mit di Boston è stato notato da Rosalind Picard, la più grande scienziata al mondo di affective computing (l’interazione tra macchina e uomo), che ha iniziato a usarlo applicandolo ai campi dell’autismo e dell’epilessia. Non solo, ma ha proposto ai tre ragazzi di fondere la loro startup con la sua società, la Phiiisio International, spinoff del MediaLab. «Per noi era un mito, oggi ci lavoriamo insieme». Oggi Empatica oltre che a Milano, dove lavora la parte tecnica del team, ha sede anche a Boston e San Francisco per un totale di circa 15 persone.

matteo_BOS1164

Quali le difficoltà?

«Abbiamo incontrato tutte le difficoltà possibili. Sia in Italia che negli Stati Uniti all’inizio ci hanno chiuso le porte in faccia, eravamo gli unici a fare questo prodotto. I centri di ricerca in Italia sono lentissimi a darti una risposta, ci è mancato poco che fallissimo. Poi a fine 2013, con l’ultimo prototipo, abbiamo iniziato a vendere».

547780_360795127374581_1467364690_n

Dopo la fusione, i ragazzi hanno ottenuto un round di investimento di 2 milioni di dollari. «Oggi questa attività ci dà uno stipendio, ma la strada è ancora lunga. Tutti i finanziamenti vanno in ricerca e sviluppo. Se lo rifarei? Prima consigliavo a tutti di fare una startup. Oggi dico: “Provateci, ma sappiate che non è per tutti”».

Info: www.empatica.com

Tiziana Tripepi (da Millionaire ottobre 2014)

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Buongiorno,
    Mi chiamo Antonio Santonicola e risiedo a Cancello ed Arnone (Caserta), ho trascorso la mia vita lavorando con passione nel settore elettrico e telecomunicazioni presso l’Aeronautica Militare. Oggi nonostante in pensione, la passione non è cessata e mi ha spinto a dedicarmi come “ricercatore solitario” nel trovare soluzioni possibili per ottenere fonti energetiche alternative, innovativa a costo zero. Credo di esserci finalmente riuscito, infatti ho messo a punto un progetto che finora mi ha dato molte soddisfazioni, ma nonostante questo rischia di morire nel cassetto, perchè non ho la possibilità economica di realizzare un prototipo.
    Chiedo pertanto la possibilità di poter stabilire un contatto con questi bravi ricercatori per stabilire un eventuale rapporto di collaborazione.
    In attesa
    Santonicola P.I. Antonio – e-mail: info@esael.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.