Da Roma a Cupertino, Apple acquisisce la startup Stamplay

3412
Foto di Coolcaesar da Wikimedia Commons

La conferma arriva dall’Università Roma Tre dove Giuliano Iacobelli e Nicola Mattina, insieme a un team di ingegneri informatici, hanno mosso i loro primi passi con Stamplay. La startup, cresciuta poi tra Roma, Londra e San Francisco, è stata acquisita da Apple. I dettagli dell’operazione non sono noti, anche se la cifra potrebbe aggirarsi attorno a 5 milioni di euro.

Stamplay è un servizio che permette alle imprese di creare applicazioni senza ricorrere al codice di sviluppo. Automatizza e semplifica il processo, utilizzando le API (Application Programming Interface). Tutto il team di under 30 proviene dall’Università Roma Tre. Iacobelli, laureato in ingegneria informatica, è stato tra i partecipanti alle prime edizioni del percorso di imprenditorialità dell’ateneo, Dock3. Mattina è uno dei mentor del programma.

Foto Stamplay

La startup, nata nel 2012, si è finanziata con una campagna di equity crowdfunding, sulla piattaforma Seedrs. Ha partecipato a un programma di incubazione a Londra, dove si è costituita come Ltd. Ha ricevuto fondi da business angel. Gli investimenti totali raccolti ammontano a circa 800mila euro. Nel 2015 è volata in Silicon Valley ed è entrata nell’acceleratore 500 Startups. Ha sempre mantenuto la ricerca in Italia, sviluppando il business all’estero.

Con l’acquisizione, Apple dimostra un interesse per le tecnologie di Stamplay. E per i suoi talenti, che potrebbero spostarsi presto a Cupertino e diventare dipendenti del colosso hi-tech.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteIn Norvegia apre il ristorante sottomarino: boom di prenotazioni
Prossimo articoloArriva l’app contro lo spreco di cibo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.