Un albero hi-tech per coltivare l’orto in verticale: l’idea di una startup di Milano

5318
SAMSUNG CSC

Creare un albero dove crescono ortaggi. Bio e sani, con le radici all’aria, per ridurre contaminazioni e malattie. Ecco l’idea realizzata da un team internazionale: Felipe Hernendez, colombiano, Arturo Montufar, messicano, Milica Mladenovic, serba, e Alessandro Grampa, italiano. Hanno formazione e competenze diverse, ma insieme hanno avviato a Milano Hexagro, startup tecnologica che ha già ricevuto premi, riconoscimenti, sei mesi di accelerazione in Kickstart, a Zurigo. Hexagro è anche tra le 32 finaliste del Premio Gaetano Marzotto (categoria Company Idea Prize) e ha appena vinto il contest UniCredit Start Lab.

Come funziona

«Utilizziamo la coltura aeroponica, tecnologia della Nasa. I vegetali sono nebulizzati con l’acqua, che permette alle radichette di assorbire 5 volte di più l’ossigeno e i nutrienti» racconta Alessandro. «Ogni struttura-albero sostiene da 4 a 13 piattaforme di coltivazione, illuminate da lampade a led, con diversi “colori”, adatte a stimolare la fotosintesi. Un albero può ospitare circa 500 piante (che crescono da 3 a 5 volte più velocemente del normale, con 6-8 raccolti l’anno), ha un perimetro di circa 1,5 e un’altezza di 1,30 metri».

Hexagro propone una foresta aeroponica indoor. «Il costo di un albero con 4 piattaforme è di 2.500 euro, con 13 circa 4.000. Un nostro sistema aeroponico per produrre basilico è già installato nel Novotel di Milano Ca’Granda».

Gli alberi sono di plastica riciclata, alluminio, con componenti elettronici. «Introdurremo materiali biodegradabili come canapa e foglie. Nel nostro business model sono contemplati i ricicli dei materiali».

Dove producete? «Abbiamo partner industriali, per esempio Wazp in Irlanda. I componenti li assembliamo noi». Dopo il crowdfunding (5 sistemi venduti e 5mila euro raccolti, su Katana), il team studia coltivazioni con maggiori produttività. E Alessandro cercherà nuovi fondi in Silicon Valley.

INFO: www.hexagrourbanfarming.com

Tratto dall’articolo “Vertical Farm: così coltivo un campo in verticale” pubblicato suMillionaire di marzo 2018. Per acquistare l’arretrato scrivi a abbonamenti@ieoinf.it

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteAmazon punta sui farmaci e compra la startup delle medicine a domicilio
Prossimo articoloFabio Cannavale vince il premio Business Angel dell’anno

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.