Il marketplace delle esperienze

1061
Freedome

«Escursioni in montagna, cavalcate nei boschi, arrampicate, rafting, kayak, kitesurf, parapendio, escursioni in barca, ciaspolate: l’offerta di queste attività su tutto il territorio nazionale è sorprendente e capillare. Ma non è ben promossa e, soprattutto, non sfrutta il digitale».

 

Michele Mezzanzanica, background da analista finanziario, Manuel Siclari, digital marketer e Simone Ferlisi, informatico, hanno creato Freedome, marketplace che mette in contatto chi offre attività outdoor con chi le cerca. Il catalogo più grande d’Italia, sostengono, con 1.800 offerte fornite da circa 550 operatori. Nata nel 2019, ha avuto difficoltà nel 2020, poi un boom nel 2021 con un transato di 1,7 milioni di euro in 8 mesi. Modello di business: commissione sulle esperienze vendute dal il loro sito. A oggi 35mila persone le hanno acquistate.

founder-freedome
Michele Mezzanzanica, Manuel Siclari e Simone Ferlisi, founders di Freedome.

«La prima cosa che abbiamo fatto è stata mappare il mercato: abbiamo individuato i vari operatori con una ricerca sul Web, poi li abbiamo intervistati uno a uno per capire quali fossero i loro bisogni. A luglio 2019 è stata creata la società e lanciata la prima versione della piattaforma». Il feedback degli utenti è positivo e Michele decide di lasciare il suo lavoro. Nel frattempo Simone, che li aveva aiutati a costruire la piattaforma, si unisce a loro.

«I primi tempi ci siamo autofinanziati (circa 30mila euro). A dicembre 2019 abbiamo ricevuto un preseed da angel investor di 140mila euro. Dopo un programma di accelerazione con Social Fare (incubatore certificato del Mise che investe in startup a impatto sociale, ndr) è arrivata la pandemia. «In quei mesi si è affacciato un altro attore che per noi è stato fondamentale: l’incubatore i3P del Politecnico di Torino, che ci ha fornito una consulenza strategica e il contatto con gli investitori». A luglio 2021 i tre soci chiudono un round di 600mila euro. «La sfida? Far capire alle tante microimprese che lavorano sull’outdoor l’importanza di diventare digitali».

Articolo pubblicato su Millionaire maggio 2022

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteLe nuove imprese del turismo
Prossimo articoloCon i big data? Ci ho fatto un’exit