La startup dell’arredo modulare fa boom

5067
Playwood

«Dovevo arredare un coworking e da lì mi è venuta l’idea di un connettore hi-tech in grado di assemblare pannelli di legno in modo semplice e versatile» racconta Stefano Guerrieri, web designer. Nasce così Playwood, la startup dell’arredo modulare, che dopo un anno e mezzo fa ottimi numeri: 200mila pezzi venduti in 28 Paesi, 530mila euro fatturati (+25% al mese).

«Online proponiamo il kit completo, mentre nei negozi l’acquisto dei connettori si completa con le tavole nel reparto legno. All’estero esportiamo solo i connettori, che è la soluzione più efficiente ed ecosostenibile. I prezzi? Si parte dai 50 euro di un alzamonitor e di una scarpiera. Un mobiletto può costare 150-200 euro. Sul sito Playwood abbiamo 2.000 progetti di design liberamente scaricabili. Nel 2018 sono stati 5.200 i download». Molto efficiente anche il servizio di chat online.

I prodotti Playwood sono presenti in negozi fisici (Leroy Merlin, Bauhaus, Obi) e online (sul sito della startup e su Amazon). Lo scorso febbraio Playwood ha ricevuto un round di investimento di 450mila euro da Primomiglio Sgr e Barcamper Ventures. È il secondo, dopo quello del 2017 da 400mila euro.

INFO: www.playwood.it

Tratto da Millionaire di aprile 2019. Per acquistare l’arretrato scrivi a abbonamenti@ieoinf.it

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteApple Academy a Napoli: nuovo bando per quasi 400 studenti
Prossimo articolo«Come ho creato l’Estetista cinica»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.