Startup in montagna: 150mila euro, formazione e coworking per le idee più innovative

7874
montagna valle d'aosta

Innovazione, tecnologia, digital non proliferano solo nelle grandi città. Si può creare un’impresa innovativa anche in montagna. Chi ha idee promettenti per nuovi prodotti o servizi può trovare diversi bandi dedicati alle startup in quota. L’Assessorato alle finanze, attività produttive e artigianato della Regione Valle d’Aosta ha appena lanciato la prima edizione di “Crea la tua startup”, in collaborazione con Federmanager. Obiettivo: sostenere la nascita nuove imprese per promuovere la crescita, la capacità di innovazione e l’attrattività del territorio. 

I requisiti

Possono partecipare, da soli o in team, tutti coloro che hanno un progetto di impresa innovativa e a forte contenuto tecnologico, che sia finalizzato a sviluppare nuovi processi, prodotti o servizi, in uno dei seguenti ambiti: Montagna sostenibile, Montagna di eccellenza e Montagna intelligente. Candidature aperte fino al 31 gennaio 2020.

I premi

Le 15 migliori idee avranno accesso a un percorso formativo gratuito. Gratuitamente entreranno in uno spazio di coworking (Vallée d’Aoste Structure) e potranno usufruire dei servizi di tutoring dell’incubatore Pépinière d’Entreprises. Riceveranno il supporto di un mentor.

Dopo la valutazione dei business plan saranno scelti 5 progetti. All’avvio dell’attività, le neoimprese avranno il sostegno di un manager per un anno e saranno iscritti per due anni a Confindustria Valle d’Aosta. Il premio in denaro, alla fine del percorso di pre-incubazione, varia da 40mila euro per il progetto migliore a 20mila per il 5° classificato. Oltre ai 150mila euro della Regione, la società STMicroelectronics srl di Aosta assegnerà 10mila euro nell’ambito elettronica.

Info: http://www.regione.vda.it/Portale_imprese/Ricerca_e_innovazione/Animazione_territoriale/crea_la_tua_startup_i.aspx

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteIl regalo di Natale di un’azienda americana: 10 milioni di dollari ai dipendenti
Prossimo articoloLa serra idroponica che dà lavoro e rivitalizza l’economia locale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.