Troppo giovani in Italia troviamo successo in Silicon Valley

1
3448

Sono partiti per la Silicon Valley con in tasca solo un’idea. Hanno lavorato senza sosta, 15 ore al giorno, alle loro startup. Che oggi crescono e fatturano. Hanno raccolto investimenti per milioni di dollari.

Sono i giovani talenti italiani scappati a San Francisco. Sono tutti under 30. In Italia nessuno di loro ce l’avrebbe fatta.

Talenti come Marco Palladino, Ceo di Mashape, una sorta di Ebay per sviluppatori. Oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari, ma Marco ha passato i primi sei mesi in Silicon Valley su un materassino gonfiabile

In Italia non ci considerava nessuno. Dicevano che eravamo troppo giovani. In Silicon ci hanno accolto. Nessuno ti regala nulla. Qui lavoro fino alle tre di notte. Ho mille cose da fare anche nei weekend. Quando sono fuori a cena o in vacanza, non dimentico mai che i miei competitor stanno lavorando. Mashape sono io. Io sono Mashape. Faccio quello che mi piace, sono felice» racconta Marco a Millionaire.

palladino 4

Giovani con idee innovative come Adriano Farano, 34 anni, Ceo di Whatchup, un’App che reinventa il concetto di telegiornale:

La vita dello startupper qui in California è dura. Ma mi sento un privilegiato. Appena mi sveglio alle 7, rispondo alle email degli sviluppatori e dei designer. Alcuni vivono in Europa e lavorano mentre dormo. Poi faccio colazione, accompagno i bimbi a scuola e sono in ufficio. Il pranzo è sempre di lavoro: un giorno con un investitore, un altro con un imprenditore. Il pomeriggio è dedicato ai test della mia App. Esco dall’ufficio e parlo con la gente per ricevere feedback»

farano

Poi c’è Loris Degioanni, Ceo di Draios, si occupa di cloud computing, è un tipo foolish and hungry alla Steve Jobs.

La Silicon è un posto incredibile. Bisogna viverci per scoprirne la vivacità, la potenza e l’efficacia. Tutte le sue cittadine sono affollate di startup o di giovani più o meno sbarbati che lavorano come pazzi. Quando ti trovi in un clima come questo e vedi intorno a te tante persone eccitate con una nuova idea per cambiare il mondo, sei stimolato anche tu» spiega Loris.

degioanni-loris--672x351

Poi ci sono Franco Petrucci e Cosimo Palmisano di Decisyon, che ha ottenuto il più grande finanziamento ricevuto da un’azienda italiana in Usa (22 milioni di dollari, ndr).

Sono loro che racconteranno oggi a Matteo Renzi, in visita ufficiale in questi giorni in California, il modello Silicon Valley e come replicarlo in Italia. Obiettivo: evitare che talenti come questi siano costretti ad abbandonare il nostro Paese per realizzarsi.

Avete anche voi suggerimenti da offrire sul tema? Scriveteci sulla nostra pagina Facebook o su Twitter (con hashtag #Italiacheriparte).

Redazione

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.