WeDo: imparare divertendosi

720
WeDo Lecce

Adolescenti dai 10 ai 19 anni si mettono in gioco e diventano protagonisti della propria vita

WeDo Academy è la prima associazione italiana per l’educazione all’imprenditorialità giovanile e da lunedì 5 a venerdì 9 settembre realizzerà il 2° Summer Camp destinato a ragazze e ragazzi dai 10 ai 19 anni che vogliono conoscere, acquisire e sperimentare lo spirito e la mentalità imprenditoriale, meglio conosciuta come Entrepreneurial Mindset.

WeDo Academy si fonda sulla lunga e riconosciuta esperienza di Daniele Manni, docente di Informatica e Imprenditorialità di lungo corso presso il “Galilei-Costa” di Lecce. Da oltre 15 anni, infatti, incentiva i propri studenti a ideare, realizzare e condurre microidee imprenditoriali innovative (startup) da lanciare sul mercato reale.

Tra queste, ci piace ricordare la startup sociale “Mabasta”, contro ogni forma di bullismo e cyberbullismo, condotta da Mirko Cazzato, la grande azienda e-Commerce “Deghi”, del giovane imprenditore Alberto Paglialunga, e la startup sociale “ECOisti”, con la mission di insegnare agli adulti il rispetto per l’ambiente.

La tecnica didattica di Manni è denominata “LEARNING entrepreneurship BY DOING startups” (imparare l’imprenditorialità facendo startup) e negli ultimi anni ha ricevuto prestigiosi premi e riconoscimenti, anche internazionali, come il “Global Teacher Award 2020” in India e l’ “Innovation and Entrepreneurship Teaching Excellence Award 2020” in Gran Bretagna.

 

A Lecce la nuova edizione del Summer Camp

Il Summer Camp avrà luogo a Lecce, presso la sede della società Links, messa a disposizione dal Ceo Giancarlo Negro, dal 5 al 9 settembre 2022 e sarà una full immersion di 35 ore ricche di creatività, innovazione e cambiamento rivolta a 20 giovanissime ragazze e ragazzi dai 10 ai 19 anni.

Il Camp, da un lato, prevede numerosi incontri con Testimonial Ispiratori (imprenditori, startupper, esperti ecc.), che racconteranno ai ragazzi le loro storie di successi (ma anche di fallimenti) in diversi ambiti, dalla tecnologia al turismo, dalla moda all’agroalimentare, dalla finanza all’aerospaziale ecc. Dall’altro, saranno realizzati veri e propri laboratori di ideazione e sviluppo di nuove microidee imprenditoriali (startup) da parte dei partecipanti raggruppati in team e seguiti e coadiuvati da coach e mentor.

Un’ulteriore nota positiva del progetto è la grande sensibilità e fiducia che gli imprenditori stanno dimostrando in 4 diverse modalità, la donazione di Borse di studio affinché le difficoltà economiche non rappresentino mai un deterrente per la frequenza per alcuno, la totale e completa disponibilità in forma gratuita nel ruolo di “testimonial”, la concessione di beni, servizi e sponsorizzazioni affinché tutto si possa svolgere al meglio.
E la collaborazione della rivista Millionaire che, grazie alla sensibilità del direttore editoriale Matteo Cerri, fornirà copie della pubblicazione come “libri di testo” da cui i ragazzi possono trarre esempi e ispirazioni.

 

WeDo Staff

I professionisti dietro il progetto WeDo Academy

Ad animare il progetto WeDo Academy è un piccolo gruppo di professionisti in vari ambiti, accomunati dalla voglia di mettere a disposizione le proprie conoscenze ed esperienze affinché possano tornare utili alla formazione di nuove competenze nei giovani. Oltre a Daniele Manni di Lecce ci sono Ettore Ferramosca (Lecce), Marco Nardin (Venezia), Giancarlo Orsini (Modena), Donatella Rampinelli (Milano), Pietro Santoro (Brindisi) e Donato Zollino (Lecce).

«Dopo oltre 15 anni in cui l’educazione all’imprenditorialità è stata riservata esclusivamente agli studenti del “Galilei-Costa” di Lecce» commenta Manni «questi fantastici amici mi hanno convinto e supportato nel renderla aperta e fruibile a tutte le ragazze e ragazzi che volessero sperimentare cosa significhi acquisire e praticare la mentalità da imprenditore, a prescindere se poi nella vita la si sceglie come professione oppure no».

«Le competenze che si acquisiscono, come la predisposizione a risolvere problemi (problem solving), la resilienza, la capacità di lavorare in team, la leadership, la capacità di gestire l’errore e il fallimento e, soprattutto, la fiducia in sé e nelle proprie capacità, sono utilissime e capaci di fare la differenza in qualsiasi percorso lavorativo futuro, da dipendente, da professionista o da imprenditore di se stessi».

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteVogliamo un sistema alimentare più sostenibile
Prossimo articoloVirtual Reality al servizio della medicina