Le 7 cose che ho imparato facendo startup

7301
Emanuela Zaccone

Emanuela Zaccone, imprenditrice, esperta di marketing e co-founder di Tok.tv, il social network per gli appassionati di sport, durante il suo percorso ha imparato molte cose, che oggi condivide con noi.

1. Una startup non è un hobby.

La dedizione è fondamentale per l’avanzamento del progetto.

2. Remoto è bello.

Ma richiede un alto grado di maturità da parte di chi collabora al progetto: per lavorare separatamente ma in contatto ci vuole una ferrea organizzazione.

3. Essere a tutti gli eventi non è garanzia di visibilità e di networking positivo.

Il presenzialismo fine a se stesso non serve a nulla. Valuta prestigio e livello dell’evento e, quando è possibile, informati anche sui partecipanti.

4. I social media sono un ottimo veicolo.

Servono a networking e costruzione della reputazione. Bisogna imparare a usarli bene.

5. Le startup sono luoghi di apprendimento.

Si muovono celeri, crescono velocemente, mutano rapidamente. Bisogna imparare a cambiare strategie e modelli di business, se necessario.

6. Bisogna imparare l’umiltà.

I feedback degli utenti sono particolarmente pregiati, perché rappresentano la bussola di quanto si sta realizzando.

7. Bisogna conoscere e studiare l’ecosistema.

 

Emanuela Zaccone ha scritto il libro #DigitalEntrepreneur (Franco Angeli, 21 euro), una guida ricca di opportunità, principi e storie. Un volume che ha dato voce anche a una serie di testimonianze (e c‘è anche quella del nostro caporedattore Eleonora Chioda).

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.