3 segreti per una carriera di successo dal cofondatore di LinkedIn

2
3171

Dice che ci ha messo 15 anni per capire cosa avrebbe voluto fare veramente nella vita. E pensando a cosa è riuscito a creare – LinkedIn, un’azienda che vale 20 miliardi di dollari – ha avuto ragione ad aspettare così tanto.

Reid Hoffman, californiano, 50 anni, è un imprenditore e un venture capitalist che sta scrivendo la storia della Silicon Valley. Vediamo quali sono per lui le tre chiavi per ogni carriera di successo.

1. Sviluppa il tuo vantaggio competitivo

«Le domande che tutti si fanno quando entrano nel mercato del lavoro, soprattutto dopo un percorso di studi, sono: “Cosa dovrei fare della mia vita? Come posso sfruttare i miei interessi, le mie passioni, per fare carriera?”. Ma queste sono domande sbagliate perché sono troppo focalizzate su di te e poco sul fattore più importante per il successo di ogni carriera: le esigenze e i bisogni degli altri. La carriera ideale è sempre quella che sa coniugare le tue aspirazioni con la spesso cruda realtà del mercato. È un compromesso che bisogna saper trovare. Impara a chiedere agli altri come puoi essere loro utile. E vedrai che troverai il tuo vantaggio competitivo, quello che ti distingue dagli altri, e cioè tua capacità di risolvere un problema, o rispondere a un’esigenza» spiega Hoffman.

2. Crea il tuo network

«Quando sei studente è più semplice per te stabilire relazioni. È quasi naturale. Ma una volta nel mondo del lavoro, devi imparare a costruire un network in modo proattivo. Le relazioni sono fondamentali perché possono legarti a persone che detengono tre poteri: risorse, opportunità e informazione. Le opportunità non sono nuvole che viaggiano nel cielo. Ma sono attaccate a persone in carne e ossa. Se cerchi un’opportunità, sei alla ricerca di una persona. Da qui puoi capire che il modo migliore per dare una svolta alla tua carriera è legarti a persone che rappresentano ciò che tu aspiri ad essere. E puoi arrivare a loro attraverso conoscenze comuni. Per questo parti dal tuo network che, anche se limitato, può portarti lontano. Poi oggi ci sono i social che possono portarti a raggiungere chiunque».

3. Impara a prenderti rischi (ma intelligenti)

«Il nostro è un sistema educativo che penalizza chi commette errori. Ma nel mondo del lavoro le cose sono ben diverse poiché non puoi capire ciò che davvero vuoi senza provare a farlo, senza rischiare di commettere errori. Sono le azioni a darti le lezioni più utili perché ti aiutano a comprendere dove vuoi andare e come raggiungere la metà. In altre parole, gli studenti migliori sono coloro che commettono meno errori. Mentre i professionisti migliori sono coloro che sanno prendersi dei rischi. E non li evitano. Come si prende un rischio intelligente? Per esempio, accettando un lavoro con una paga minore ma che ti offre una grande possibilità di imparare. Accettando di superare ostacoli e svantaggi se hai la possibilità di migliorarti. Ricorda: le migliori opportunità sono quelle che presentano maggiori interrogativi. Impara a rischiare in modo intelligente e coglierai le opportunità che altri lasciano lungo la strada».

Redazione

(Fonte foto utente Flickr Joi)

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Grazie per quest’articolo l’ho trovato molto interessante,anche se i concetti ricordano molto quelli di Robert Kiyosaki.
    Consiglio di intervistalo è molto interessante come persona.
    Cordiali saluti Gaetano Coppola

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.