4 qualità che devi avere per creare il tuo business

0
1292

Quali sono i quattro tratti essenziali di un imprenditore destinato al successo? A svelarli un articolo del Time scritto da Shawn Porat: è il Ceo di Fortune Cookie Advertising, azienda che vende spazi pubblicitari all’interno dei biscotti della fortuna distribuiti nei ristornati cinesi negli Stati Uniti. Leggiamo cosa scrive:

«Molte persone vorrebbero diventare imprenditori, ma solo poche possono farlo in realtà. Poco dopo aver messo in piedi il mio business ho compreso quali era le caratteristiche necessarie per fare una buona impresa. Ne ho individuate quattro. Siete d’accordo con me?»

1. Uno scopo ben definito

«È la base della costruzione del tuo business.  Perché lo stai facendo? Perché hai in mano un prodotto o servizio fuori dal comune? Perché vuoi risolvere un problema? La ragione deve esserti chiara e avrai successo se saprai trasmetterla ai tuoi clienti. Che tu voglia essere indipendente da capi, ufficio, orari, è giusto. Ma non è un motivo sufficiente poiché non interessa ai tuoi consumatori. Che sono interessati al tuo progetto che può spaziare: es. stai costruendo il sistema operativo per pc più avanzato al mondo, o hai trovato il sistema per spedire fiori nei quattro angoli del mondo… Lo scopo può cambiare, allargarsi ad altri campi o restringersi nel tempo. Ma ci deve essere quando inizi. Io stesso ho iniziato il mio business allo scopo di offrire alle aziende un modo innovativo per fare pubblicità».

2. La capacità di comunicare chi sei  e cosa fai in poche parole

«Se hai investito in un business semplice, come vendere libri o aprire un’officina meccanica, spiegare cosa fai è cosa semplice. Ma alcuni servizi e prodotti, specie nell’hi tech, sono più astratti e complessi da comunicare. Non è importante che tipo di business hai in mente, conta che tu sappia descriverlo con poche parole e farlo capire immediatamente ai tuoi clienti, amici, familiari o investitori».

 3. Persistenza

«È la capacità di resistere alle sconfitte e andare avanti. Richard Branson, Bill Gates, Harland Sanders (il fondatore dell’impero Kentucky Fried Chicken) hanno assaporato il gusto amaro del fallimento. Per non parlare di Thomas Edison che in merito ai suoi innumerevoli tentativi per creare la lampadina, sottolineava: “Non ho fallito. Ho solo trovato 10mila soluzioni che non funzionano”. Ovviamente non bisogna che tu sia persistente come Edison, ma il principio è lo stesso. Molte neoaziende falliscono o vanno incontro a brutte esperienze, ma questo non deve demoralizzarti: continua e cerca la formula che funziona. Non avrai soddisfazioni, se non ci provi.  Ricordo che una volta in azienda si ruppe un computer con i dati di centinaia di clienti veri e potenziali. Non avevo fatto il back up dei dati e non potevo recuperare le info. Allora il mio team ed io fummo costretti a ricopiare a mano l’intera lista. Un lavoro durissimo. Alla fine recuperammo tutto e imparammo una lezione: fare sempre il back up dei dati»

4. Focus

«È l’ultima qualità di cui ogni imprenditore ha bisogno in abbondanza: la capacità di analizzare ogni aspetto del suo progetto, dall’ideazione all’esecuzioni senza cadere in distrazioni pericolose. Questo significa darsi delle priorità, stabilire dei programmi, rispettare scadenze. Quando ho iniziato non riuscivo a essere focalizzato sull’obiettivo. Facevo continuamente liste di cose da fare per paura di perdermi qualche pezzo per strada. Continuo a farlo, ma ora ho l’appoggio completo del team di lavoro. E mi diverto molto nel mio ruolo di imprenditore: ti dà libertà ed è la cosa più bella al mondo poter lavorare per se stessi. Ma ci riesci solo se resti focalizzato sugli obiettivi».

Via Time

Redazione

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.