7 caratteristiche di uno startupper di successo

2
2523

Cosa distingue il 10% dei migliori startupper da tutti gli altri?

Ha risposto a questa domanda Robert Scoble, celebre blogger americano. Vediamo con il suo aiuto quali sono sette qualità di uno startupper di successo.

1. Sa scegliere le persone giuste. «Un buon startupper sa valutare le risorse umane e prendere quelle che abbiano un reale interesse nel condividere il suo progetto» spiega Scoble.

2. Costruisce un insieme valori condivisi, non solo un’azienda. «I migliori startupper progettano una mission in cui ognuno dei membri ha un ruolo specifico nel divulgarla. Un’azienda che ha una serie di valori condivisi sa immediatamente distinguersi sul mercato».

3. Ascolta e poi agisce. «I migliori startupper non dicono agli altri cosa fare. Prima di fare una scelta fanno domande, ascoltano i feedback e poi decidono sul da farsi».

4. Non si arrende. «I fondatori di AriBnB hanno atteso mille giorni prima di far partire il loro business. Immagina cosa sarebbe successo se si fossero arresi al 999esimo giorno? I migliori startupper sanno andare avanti anche se tutto sembra remare in senso opposto».

5. È l’avvocato del cliente. «Un buon startupper sa profondamente cosa vogliono i clienti e capisce quando le sue scelte vanno contro i loro bisogni».

6. Sa adattarsi ai cambiamenti. «Uno startupper bravo si distingue da questo: sa cambiare rotta e aggiustare il suo modello di business rispetto ai cambiamenti del mercato e delle richieste dei clienti».

7. È attento a ogni dettaglio. «Soprattutto nelle prime fasi di un business, bisogna essere attenti a ogni aspetto da quello finanziario, alla gestione del team, fino al design del prodotto».

INFO: http://on.fb.me/NS1pH6

(Fonte foto utente flickr Robert Scoble)

Redazione

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Ritengo interessante sopratutto il 6° punto, quello di riuscire ad adattarsi ai cambiamenti, che nessuno però spiega come sia possibile praticamente!
    A tal proposito ho trovato un’articolo illuminante che parla di quanto l’Imprenditorialità sia legata alla Fisica Quantistica (una delle mie passioni) e di come sia possibile praticamente intervenire per modificare i nostri schemi mentali che ci condizionano, per riuscire per l’appunto a governare il cambiamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.