Apple: nuove regole di lavoro per i suoi dipendenti

821
Apple

Per la prima volta dall’epoca del lockdown forzato, Apple chiede ai propri dipendenti di tornare in ufficio per lavorare in presenza

La richiesta riguarda per il momento solo i dipendenti che risiedono nella contea di Santa Clara, in California, e quindi a poca distanza dal nuovissimo campus che l’azienda di Cupertino ha commissionato all’architetto Norman Foster. Ed è una richiesta piuttosto semplice: dal 5 di settembre, i dipendenti saranno chiamati a passare in ufficio almeno tre giorni a settimana, mentre potranno continuare a lavorare da remoto per gli altri due.

Una soluzione tutto sommato in linea con quella presa da molte altre aziende americane e non che, in allerta contro possibili recrudescenze del virus, non hanno avuto modo di sperimentare differenti soluzioni per il lavoro da remoto.

Ma c’è di più: secondo Bloomberg, infatti, dei tre giorni a settimana che i dipendenti passeranno presso la sede centrale della Mela, solo uno è di libera scelta: i vertici dell’azienda, infatti, avrebbero ritenuto martedì e giovedì giornate obbligatorie di presenza. Lunedì, mercoledì e venerdì resteranno dunque di libera scelta dei lavoratori.

 

Verso una approccio al lavoro “ibrido”

L’idea del management è quella di incentivare una modalità di lavoro “ibrida”, che alterni presenza e prestazioni da remoto: una scelta abbastanza inusuale se si guarda proprio al panorama della Silicon Valley e a vari giganti del settore tech. Basti ricordare che Twitter sta dismettendo buona parte dei propri uffici fisici per agevolare una transizione verso forme di smartworking totale (e contenere i costi).

Mai stato così per Apple. L’azienda ha sempre sostenuto modalità di lavoro che alternassero presenza e remote working: infatti, già nel corso dell’estate passata l’azienda di Cupertino aveva avanzato una proposta per il rientro e l’adozione di misure “ibride”. Allora, una nuova e rapida escalation di contagi aveva bloccato l’iniziativa: oggi, Apple ci riprova.

Lo stesso capo del dipartimento di ingegneria – Craig Federighi – ha confermato che da settembre ci sarebbe stato il “vero inizio” del lavoro in presenza, sebbene alcuni dipendenti fossero tornati a lavorare in ufficio già negli ultimi due mesi. Resta da vedere la mossa del gigante tecnologico si rivelerà un successo o meno: come sempre in questi casi, le aziende leader potrebbero influenzare l’approccio al business management di tantissime altre realtà.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteMind the Bridge: apertura a New York
Prossimo articoloCompriamo macchine elettriche, ma non abbiamo modo di caricarle