Burocrazia

0
1849

Essendo un tipo di business molto recente e innovativo, non esiste una precisa normativa di riferimento. Conviene quindi informarsi presso la Camera di Commercio della propria provincia prima avviare l’attività.

Per le scuole di cucina tradizionali riprendiamo la distinzione di Millionaire, pubblicata sulla rivista cartacea (puoi leggere l’articolo a questo link).

Se non è prevista la somministrazione di alimenti/bevande durante il corso, occorrono:

[styled_list style=”check_list” variation=”blue”]

  • Iscrizione Registro imprese Camera di commercio;
  • Apertura partita IVA;
  • Iscrizione Inps e Inail;
  • Iscrizione albo imprese artigiane;
  • Agibilità locali (previste per il ristorante che ospita);
  • Valutazione del rischio l. 626/94;
  • Assicurazione  per responsabilità civile e infortuni.

[/styled_list]

Se è prevista la somministrazione di alimenti o bevande, occorrono anche

[styled_list style=”check_list” variation=”blue”]

  • Iscrizione Rec – Somministrazione alimenti e bevande;
  • Autorizzazione amministrativa comunale;
  • Autorizzazione sanitaria della Asl;
  • Igiene degli alimenti (Haccp).

[/styled_list]

Approfondimenti. Per quanto riguarda la somministrazione di alcolici puoi leggere la sezione “Per un corretto avvio” nell’articolo Stanco del solito bar? Diventa barman a domicilio

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.