Come ci inventiamo un lavoro con vecchi libri

4526

Due giovani di Verbania, comune sulla sponda piemontese del Lago Maggiore, recuperano libri usati e si inventano un lavoro. Anzi più di uno. Marco Tosi, 28 anni, e Filippo Terzi, 27 anni, sono gli ideatori di “Librarsi Spalavera”: comprano da privati libri destinati al macero e li rivendono in mercatini, ad alta quota (2mila metri) in un giardino di una casa in montagna e in una libreria che hanno aperto da qualche mese:

«Abbiamo iniziato con un’attività di volantinaggio. Chi aveva libri da cestinare, ci contattava e noi li compravano. Abbiamo allestito così un magazzino. Vendevamo libri nei mercatini nel Nord Italia. Poi l’idea di creare un mercato sul monte Spalavera, sotto i faggi. Lì ho una casa con giardino. I turisti possono comprare i libri oppure accedere a una biblioteca all’interno dell’abitazione. Abbiamo arricchito l’offerta con mostre e concerti. Tutto ad alta quota per rivalutare quei territori» spiega a Millionaire Marco, laurea in Scienze storiche, Filippo in Lettere ispano americane.

10606097_747348798651760_8453277238224849558_n

Con i primi soldi raccolti dalle loro attività iniziali, hanno aperto a Verbania, una libreria: «È stato il coronamento del progetto. Da maggio fino all’estate, spostiamo tutto il nostro business sul monte Spalavera, in inverno c’è la libreria. La gente inizia a conoscerci, ci chiama, ci contatta su Facebook e ci porta dei libri se vuole disfarsene. Non è facile portare avanti tutto, ma siamo ottimisti finché abbiamo idee e troviamo un modo per concretizzarle, con i nostri soldi e le nostre energie. È ancora presto per fare un bilancio. Per ora le cose vanno bene. Ci siamo inventati un lavoro, e quello che è meglio, mettendo al centro le nostre passioni».

10645020_698937383492902_6696891826781195085_n

10410905_702280839825223_4377434181794573244_n

La libreria ad alta quota e gli eventi ritorneranno a partire dal 24 maggio. Nel frattempo, Marco e Filippo puntano sui social per conoscere il loro business e il loro messaggio: «Se rimani passivo, sei finito. Se aspetti che qualcuno faccia qualcosa per te, difficilmente troverai qualcosa di bello. Se vuoi reinventarti una vita devi prenderti delle responsabilità, fare scelte. E mettere al centro le tue passioni e le relazioni umane. Se impari a rapportarti agli altri nel modo giusto, vedrai che si apriranno delle porte. E una sarà quella giusta».

INFO: http://on.fb.me/1xiceYU

Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteMcDonald’s cerca giovani agricoltori
Prossimo articolo10 slide per presentare al meglio la tua startup agli investitori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.