Come realizzare e promuovere un’App: i nostri consigli

10
22870

«Caro Millionaire, mi è venuta in mente l’idea di creare un’app, ma non so come muovermi. Mi date qualche consiglio?» ci scrive uno dei nostri lettori. Ogni mese sono tante le persone che ci chiedono consigli sull’argomento: quello delle App è un mercato caldo e in crescita. Costruirne una può essere un ottimo affare. Ma come fare. Vediamo una sintesi dei consigli degli esperti che abbiamo contattato negli ultimi mesi.

1. Quale settore scegliere per fare soldi?

«1) Quelle dei giochi, ma sono più difficili da realizzare e devono fronteggiare una competizione enorme. 2) Le App di couponing e prenotazione ristoranti vanno bene, ma hanno bisogno di una buona struttura commerciale. 3) Oggi vanno le App di scraping online che mettono insieme contenuti disponibili della Rete, come per esempio gli aggregatori di eventi. 4) Le utility (come quelle per facilitare il lavoro) che sono più facili da realizzare e hanno un mercato più ampio» spiega Marta Valsecchi, responsabile della ricerca dell’Osservatorio Mobile & Economy del Politecnico di Milano.

Le app di gioco sono al primo posto: un esempio eclatante di successo è Candy Crush, videogame che spopola sui social network: 3,5 milioni di euro al giorno, 500 milioni di utenti. L’ha creato Riccardo Zacconi, 46 anni. Leggi qui come fare business con un gioco online in otto step.

2. Come posso svilupparne una se non sono esperto?

«Ci sono agenzie, sofware house e sviluppatori freelance. Ma se non hai qualche migliaio d’euro da investire puoi contare su sito come AppsBuilder (ne parliamo qui) che ti mette a disposizione strumenti per costruire un’App anche se non hai alcuna conoscenza dei porgrammazione e Makeitapp (ne parliamo qui) dove se hai un’idea puoi trovare sviluppatori e grafici con cui formare un team» spiega la Valsecchi.

3. Come la promuovo?

Sono 10 gli step da fare per promuovere un’App secondo Fabio Lalli, esperto di tecnologia e nuovi media:
«1) Fai una versione demo. Inizia con una versione gratuita che gli utenti potranno provare senza impegno. 2) Coinvolgi gli addetti ai lavori. Presentala nei forum, agli eventi del settore. Corteggia blogger ed esperti per la promozione. 3) Grafica di appeal. L’aspetto grafico dovrà essere piacevole e accattivante. 4) Promozione mirata. Scegli il canale giusto per la promozione. Aiuti a organizzare un viaggio? Scegli le riviste turistiche… 5) Vai nel mondo. Cerca di non essere presente solo su piattaforme italiane. 6) Viralizzati. Per far scattare il meccanismo del passaparola, e la viralità, fai un buon uso dei social. 7) Ascolta gli utenti. Crea un indirizzo email o un blog per comunicare con gli utenti e tener conto delle loro considerazioni. 8) Gioca sul prezzo. Qui, più che altrove, vale la regola: meno costi più vendi. 9) Aggiorna spesso. Le migliorie periodiche daranno smalto e visibilità al tuo prodotto. 10) Promuoviti con un video. Molto utile realizzare un video tutorial esplicativo della tua App» spiega a Millionaire.

4. Come guadagno?

«1) Pay, cioè il download a pagamento, qualche decimo di euro per ogni utente che la scarica. 2) Advertising (basato sulla pubblicità): iscrivo la mia App a uno dei tanti network di pubblicità (AdMob di Google o iAd di Apple). Ogni volta che l’utente cliccherà sul banner della mia App, avrò un introito. 3) Freemium: metto a disposizione una versione della mia App gratuitamente, mentre per usufruire delle altre versioni, l’utente dovrà pagare un determinato importo» spiega la Valsecchi.

5. I consigli di uno che ce l’ha fatta

La sua app conta 25 milioni di utenti dalle nazioni più diverse: Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud, India, Filippine. Max Ciociola è partito da Bologna per creare MusiXmatch, un servizio che permette di consultare i testi di tutte le canzoni. Dal 2010 ha ricevuto sette milioni di dollari da investitori italiani. E qualche settimana fa un altro investimento di 5 milioni di euro (Qui la nostra intervista). Ecco i suoi consigli per realizzare un’app di successo:

«1. Apriti al mondo. È importante condividere ciò che si fa. Lo scambio di esperienze può fare la differenza. 2. Fai la scelta giusta. A) Settori come cinema e cucina sono inflazionati. B) Fare le app solo in italiano non ha senso. È un mercato troppo piccolo. 3. Imprenditori, non solo inventori. Non basta inventare un’App, ci vuole intelligenza e creatività anche nel marketing e nella comunicazione. 4. Cerca i soldi quando sei sicuro di meritarli. Non puoi presentarti a un investitore solo con un PowerPoint dell’idea e senza nemmeno il team che dovrebbe svilupparla. 5. Sudore, lacrime e sangue. Il mito della startup che arriva al successo facilmente è falso. È un percorso non lineare, stressante, pieno di sacrifici e momenti di crisi» spiega a Millionaire.

INFO: http://musixmatch.com/

6. Un’opportunità in più

Se la tua startup ha sede in Lombardia, non perdeterti quest’opportunità di visibilità: App4Expo è un bando promosso dalla Regione Lombardia in collaborazione con Explora S.c.p.a. e Smau Servizi Srl. Presenta la tua idea e potrai vincere un’occasione di visibilità: la tua idea sarà inserita nell’apposita sezione del sito di Explora e su un’area espostiva durante lo Smau 2014. Hai tempo fino a al 16 luglio 2014 per presentare la tua domanda. INFO: http://www.app4expo.it/

Redazione

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. Ai lettori di Millionarie vorrei inoltre suggerire un altra nicchia molto reddittizia: quella dell’apprendimento delle lingue straniere dall’italiano. La necessità di imparare una lingua velocemente è molto importante quando si emigra e data la mole del fenomeno questo è un settore in rapida crescita. Consiglio cinese, russo, arabo, lingue nordiche. 🙂 Alessandro

  2. Salve ,ho una semplice domanda :io ho un idea molto semplice ma di largo consumo però non capisco assolutamente niente su come realizzarla come posso proteggere l’idea dalle agenzie che si occupano della realizzazione?

  3. Rispondo a Claudio:
    su piattaforme come MakeItApp, il diritto d’autore viene garantito e tutelato dalla società stessa con la quale il creatore dell’App ((inteso come colui che ha l’idea)) stipula un contratto, oltre al fatto che appunto MakeItApp si occupa poi di promuovere l’App.
    Il bello di una soluzione così è che è tutta italiana! 🙂
    FORZA AZZURRI! 🙂

  4. Io ho la estessa domanda di Claudio, pero en piu io mi trovo al Perú ,sono Peruviano ,pero ho visuto in Italia per 15 ani,sono un lettore fedele della vostra revista, io ho una idea di fare una App ,pero no ho la posibilita económica ,vorrei un finanziatore o come faccio a participare dal Perú in App Days di Todi,la mia domanda vorrei se me rispondese anche Favio Lalli.

  5. marco 21 anni di roma ho una domanda da fare io ho svillupato un app che cambiera’ la visione dei cittadini su Roma lho creata su como un sito , ma poi mi chiede soldi per mandarla in commercio , siccome sono disoccupato come posso rendere la mia app reale?

  6. Per poter sviluppare una applicazione mobile di ottima qualitá bisogna affidarsi solo ad esperti, anche perché stiamo parlando di prodotti tecnologici di alta gamma sia per qualitá che prezzo

  7. Buongiorno, mi chiamo Raniero Valente e vorrei gentilmente sapere come potrei fare per progettare e mettere in commercio una mia idea sotto forma di un App

    Ringrazio anticipatamente,
    Cordiali saluti,
    Raniero Valente
    e-mail: rscgvalente@gmail.com

  8. Even I am also looking for app developers and all the point that are mentioned by post writer are same as mine . Please Suggest us as i am wondering to develop it for lyrics – By whatleft.com Team

  9. Salve a tutti vorrei sviluppare un app ma non ho né tanti Money x svilupparla ne tantomeno le conoscenze per svilupparla…mi aiutate?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.