Comunicazione & Marketing

2134

Provate ad andare su Google AdWords (a questo link) e fate una ricerca per la parola “ricetta”: scoprirete che nell’ultimo mese, il termine è stato ricercato su google per più di 7 milioni di volte.

Capite bene che comparire su internet diventa fondamentale.

Tre sono i passi fondamentali per farlo:

  1. Aprire un sito web;
    (Approfondisci. Come costruire un buon sito di business: elementi essenziali)
  2. Inserire all’interno del sito un blog con alcuni elementari consigli di cucina, sulla qualità dei prodotti che arriva sulle tavole dei tuoi potenziali clienti, sul mangiare sano, etc.;
  3. Aprire delle pagine sui diversi social network. Oltre a dei video tutorial su YouTube, Instagram, combinato a Facebook, è l’ideale per condividere immagini su alimenti e piatti.
    (Approfondisci. Come si usa Instagram? Piccola miniguida al social del momento)

Qualcuno potrebbe storcere il naso: come do dei consigli gratuiti su internet ai miei potenziali clienti?

Innanzitutto, ricordate che nei corsi non offrite unicamente delle competenze, ma delle occasioni per socializzare: il web non potrà mai sostituire questo valore aggiunto. In più, la Rete, se sfruttata a dovere, offre l’occasione di farsi conoscere come esperto del settore, facendovi apprezzare per il vostro know-how. In questo è importante non imitare gli altri: Google e i social network non amano i copioni. Trovate il vostro linguaggio unico e dei consigli che abbiano davvero un valore. Così potrete avere una chance.

Canali tradizionali

Internet purtroppo non basta: soprattutto all’inizio, la vostra attività sarà legata a una specifica città, se non addirittura a uno specifico quartiere. Il web potrebbe essere troppo dispersivo per raccogliere i potenziali clienti. Occorre certamente fare di più.

Creaimpresa consiglia soprattutto questo tipo di canali, di costo non elevatissimo e d’impatto soprattutto per far conoscere l’attività all’inizio:

[styled_list style=”circle_arrow” variation=”blue”]

  • Manifesti pubblicitari (da attaccare 15/20 giorni prima dell’apertura);
  • Volantini: 5/10mila volantini formato A5 (21×15 cm); se possibile, indirizzare questo tipo di comunicazione alle persone di età compresa orientativamente tra i 30 e i 45 anni;
  • Pubblicità su giornali locali, sia di informazione che di inserzioni gratuite e a pagamento;
  • Spot su radio locali, soprattutto per pubblicizzare corsi che interessano giovani, casalinghe e pensionati (fruitori più assidui di questo tipo di mezzo): tenere conto della frequenza.

[/styled_list]

Questo tipo di comunicazione sarà più adatta per le prime due fasce di potenziali clienti (privati, sia principianti che appassionati). Per corsi rivolti a operatori del settore, meglio usufruire di canali diversi, come le riviste e i programmi specialistici.

Infine, si può pensare a forme di co-marketing con il ristorante che ospita il corso: un coupon che offra uno sconto per gli avventori del locale, un corso specifico che insegni a cucinare uno dei piatti tipici del ristorante, una festa inaugurale con assaggi dei prodotti del ristorante per attirare potenziali clienti del corso e simili.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.