fbpx
Mirko Lalli

Con i big data? Ci ho fatto un’exit

Che i dati fossero importanti Mirko Lalli, 48 anni, fiorentino, esperto di marketing e docente, lo aveva capito già nel 2014, quando ha fondato Travel Appeal, la startup che, grazie all’intelligenza artificiale raccoglie e analizza la grande quantità di dati disponibili su un territorio e li restituisce alle aziende. Oggi ne ha avuto conferma.

La sua startup, diventata una scaleup e che oggi si chiama The Data Appeal Company, ha appena concluso un’exit: pochi giorni fa è stata acquisita al 100% da Almawave, società quotata che fa parte del gruppo Almaviva, per un valore di 16,5 milioni di euro.

«Il mio segreto? Fondare una startup a 40 anni, quando già avevo un’esperienza nel campo del turismo».

Cosa facevi prima di diventare imprenditore? «Per 6 anni sono stato il direttore marketing della Regione Toscana, si può dire che il turismo online sia nato con me. Ho costituito il primo social media team in Italia, stipulato i primi accordi con Booking, Firenze è stata la prima città a essere mappata con Google Street View. Un periodo entusiasmante, che ha portato la Toscana a registrare un incremento di turisti stranieri del 7,8%».

Perché poi hai creato una startup? «Avevo l’esperienza e i contatti. Ma soprattutto avevo già il product-market fit: sapevo che c’era questa esigenza, perché quando lavoravo in Regione questo tipo di dati mi sarebbero stati utili».

I primi passi? «Sono andato da Riccardo Donadon, fondatore di H-Farm e gli ho illustrato la mia idea. Mi ha detto: “Mi piace, quanti soldi ti servono?”. È così che ho ottenuto i primi 250mila euro, senza neanche un team. Per 4 anni sono rimasto in H-Farm, che mi ha supportato burocraticamente e con il fundraising».

La crescita è stata immediata… «Era un servizio di cui c’era bisogno, abbiamo iniziato a fatturare subito. Ed è molto scalabile. Fino al 2019 abbiamo lavorato con destinazioni e hotel, poi questi dati ci sono stati richiesti da altri settori: in primis le banche, per le quali la reputazione è uno degli elementi determinanti per il rating. Poi l’immobiliare: attraverso l’analisi dei dati si riesce a capire dove aprire un negozio o dove piazzare un cartellone pubblicitario. Nel 2020 i ricavi sono stati di 1,5 milioni di euro, l’anno dopo 2,5 milioni».

Come lavorate? «Attraverso le mappe digitali costruiamo l’anagrafica dei punti di interesse di un territorio: hotel, ristoranti, cultura. Raccogliamo le comunicazioni che gravitano intorno a essi. Poi raccogliamo i dati sulla reputazione: recensioni e post online ci dicono come ciascun punto di interesse viene percepito. Infine i dati territoriali: voli, meteo, eventi. Li interpoliamo per costruire degli indicatori, che forniamo a imprese ed enti territoriali. Il nostro scopo è raccontare un fenomeno complesso in modo semplice. Modello di business è l’abbonamento, a partire da 59 euro al mese. Strumento: Software as a service».

Ci fai un esempio? «Gli enti del turismo. A loro forniamo una dashboard (cruscotto), dove possono vedere gli indicatori che dicono da dove provengono i viaggiatori, quando viaggiano, quali sono le loro preferenze e i prezzi medi del territorio. Tutte indicazioni preziose per poter pianificare in modo efficace la loro offerta».

Come avete fatto a diventare di “appeal” per Almawave? «Almawave è una società di consulenza specializzata sulla vertical AI (intelligenza artificiale verticale). Significa che è interessata ad acquisire società che utilizzano l’intelligenza artificiale in determinati ambiti. Copriamo turismo e finanza. La nostra società rimarrà, cambia solo la proprietà, io ne sarò l’amministratore delegato. Stiamo cercando 25 persone da inserire in organico: esperti di machine learning, data scientist e di dominio». 

Articolo pubblicato su Millionaire maggio 2022

Smau 2023 sbarca a San Francisco

Dopo il successo di Milano, il programma della nuova stagione con l’esordio a maggio in California.   Smau, la fiera italiana numero uno in tema

La pasta made In Italy è sempre un buon business

Frescobaldi annuncia la sua prima produzione di pasta.   Frescobaldi, uno dei principali brand del vino italiani entra nella produzione della pasta con Tirrena. La nuova

Singapore, attrazione strategica

Sempre più capitali e investitori scelgono la Città-Stato asiatica. Stabilità politica, servizi finanziari e qualità della vita, ma anche tech, innovazione e sostenibilità.   Tra

Torino: l’incubatore delle startup

Come fare parte di OGR Tech e accedere ai programmi di accelerazione accanto ai giganti dell’innovazione   Un edificio industriale dismesso, una fondazione che ha

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.