Contadini 2.0: «Ecco il nostro aranceto virtuale»

0
2507

Hanno ereditato un vecchio aranceto dai loro nonni a Ribera in provincia di Agrigento. L’hanno rimesso a nuovo per promuoverlo con il Web. L’obiettivo: rilanciare il territorio e un’agricoltura sostenibile e di qualità.

I fratelli Paolo e Marco Barbera, 30 anni, e Kiko Cosentino, 27 anni, sono i fondatori di Contadini per Passione:

Partiamo da un progetto che ha una precisa identità: raccontare il territorio e fare un’agricoltura vicina al consumatore finale. Per farlo ci siamo serviti del Web, l’unico strumento che permetteva di vincere l’isolamento delle nostre terre» spiega Paolo che ha abbandonato gli studi di economia per dedicarsi anima e corpo all’idea.

Il progetto nasce grazie all’unione tra le loro diverse “anime”: Paolo si occupa degli aspetti della semina e del raccolto, Marco, laureato in Giurisprudenza, della parte commerciale.

Mentre a Kiko, tecnico informatico, spetta la gestione del portale che presenta più sezioni tra cui una con i consigli di food blogger provenienti da ogni parte d’Italia.

Tutti e tre eravamo scollegati dal mondo agricolo finché abbiamo deciso di inventarci qualcosa per tornare alle origini, alla bellezza del nostro territorio. Allora ho chiamato Kiko e gli ho chiesto di creare un aranceto virtuale. Lui mi ha preso per matto all’inizio. Poi ci siamo messi a tavolino e le cose hanno preso forma. Siamo partiti dai nostri risparmi e dagli aiuti delle famiglie».

All’inizio non è stato facile scontrarsi con il mercato locale con i suoi prezzi e regole. Le cose sono migliorate quando hanno deciso di vendere direttamente ai gruppi di acquisto sul territorio e con ordinazioni via Web:

Abbiamo deciso di chiudere noi la filiera e oggi i risultati ci danno ragione. Cresciamo del 25% ogni anno, vendendo il 60% della produzione da soli e smaltendo il resto sul mercato locale. Per promuoverci lavoriamo molto sui social».

Qual è il valore aggiunto del progetto?

Il territorio, siamo fortunati a essere nati qui. E poi la passione che abbiamo messo contro tutti i luoghi comuni per cui fare agricoltura è solo un modo per sporcarsi le mani».

Come si fa innovazione nell’agricoltura oggi?

Tempo fa in una conferenza di alcuni addetti ai lavori c’era un contadino che sosteneva che per innovare, in settori statici e obsoleti come è apparentemente quello agricolo, bastava rispettare le vocazione e le peculiarità di ogni singolo territorio. Poi bisogna fare Rete, non solo attraverso il Web, ma anche mettendo insieme i singoli produttori».

INFO: http://contadiniperpassione.it/

Vuoi investire nell’agricoltura, sfruttando il Web? Se vuoi altre storie per trovare ispirazione, leggi l’inchiesta di Silvia Messa su Millionaire di settembre 2013.

1234530_721986261161224_354529624_n

Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.