Idee di business: esplode il km zero

4576

Cosa si può produrre, fare, organizzare, utilizzando risorse reperibili nella nostra zona? Se prima le attività a km zero erano confinate alla distribuzione dei prodotti agricoli, oggi il termine si sta estendendo a tutti i settori.Tante sono le idee di chi intraprende nel settore.

Lo testimoniano le storie che Millionaire ha raccolto per voi nell’inchiesta di Silvia Messa nel numero di settembre.

C’è chi come Simone Riccardi, 35 anni, ha inventato un portale, Viaggi Verdi, al servizio di chi cerca un soggiorno a km zero:

L’idea è nata due anni fa. Ero a Potenza e cercavo dove dormire. Non esisteva nessun servizio online che connettesse eco strutture italiane, che legasse viaggiatori consapevoli e imprenditori che investono in un futuro migliore» spiega a Millionaire.

Ha investito poco più di 70mila euro, soldi raccolti vincendo bandi regionali e borse di ricerca:

Le strutture versano una quota diversa a seconda della grandezza, da 50 a 500 euro. Continuando così l’azienda potrà raggiungere un fatturato di 200mila euro nel 2015.

INFO: http://viaggiverdi.it/

C’è poi chi come Gianni Gaggiani, 43 anni, s’è inventato una community, Grow The Planet, che insegna come fare un orto e vende prodotti selezionati:

Abbiamo creato una redazione per i testi e una community aggregata sul tema alimentazione, km zero e sostenibilità. Presentiamo prodotti: i migliori e bio, dai semi, agli attrezzi, ai supporti da coltivare. Il marketing è mirato su esigenze reali. E puoi avere più inserzionisti» ci racconta Gianni.

Partito nel 2011 il progetto è stato tra i finalisti del TechChrunch Disrupt (competizione internazionale per startup) di San Francisco. Il fatturato previsionale di crescita è di 150mila euro.

INFO: http://www.growtheplanet.com/it/

E ancora c’è chi si è inventato il matrimonio a km zero. Cristina Scappaticci, 33 anni, responsabile regionale di Donne Impresa, ha messo insieme le imprenditrici agricole di Frosinone e dintorni e creato una filiera per offrire alle coppie l’opportunità di sposarsi in modo salutare. E di risparmiare il 40% rispetto a un matrimonio tradizionale:

Abbiamo creato una sinergia tra le nostre attività: dalla ristorazione con menu a km zero alle bomboniere, agli addobbi floreali, fino alle fattorie didattiche per l’intrattenimento dei bambini» spiega Cristina.

INFO: http://www.frosinone.coldiretti.it/

Vuoi investire nel km zero? Se vuoi altre storie per trovare ispirazione, leggi l’inchiesta di Silvia Messa su Millionaire di settembre 2013.

1234530_721986261161224_354529624_n

Redazione

(Foto utente  marfis75)

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.