Il mondo ha bisogno di più ingegneri (James Dyson).

Di
Redazione Millionaire.it
9 Giugno 2024

L’inventore e imprenditore miliardario afferma che se i membri della Generazione Z vogliono fare la differenza, dovrebbero diventare ingegneri.

Se i giovani vogliono davvero cambiare il mondo, dovrebbero rimboccarsi le maniche e studiare ingegneria, dice l’inventore e ingegnere James Dyson.

“Per me, c’è una disconnessione tra il desiderio [dei giovani] di cambiare il mondo e la loro capacità di effettivamente apportare cambiamenti,” dice. “Gli ingegneri possono risolvere tutti i problemi di cui la Generazione Z è preoccupata.” L’imprenditore miliardario crede che esistano soluzioni ingegneristiche ai problemi ambientali che preoccupano i giovani, come affrontare la scarsità d’acqua e ridurre il consumo energetico.

Durante un incontro con il periodico Inc. a New York City, Dyson si è descritto come un “designer che è diventato ingegnere” e ha lavorato per anni perfezionando il suo prototipo del primo aspirapolvere senza sacco. Ha lanciato la sua azienda, Dyson, con quel design nel 1991, e da allora si è espansa in ventilatori senza pale, asciugamani ad aria e asciugacapelli. Dyson ha persino creato un’auto elettrica ma alla fine non l’ha portata sul mercato. Il prodotto più recente dell’azienda, che è stato lanciato all’inizio di questo mese, è l’asciugacapelli Supersonic Nural, che riduce automaticamente il calore quando si avvicina alla testa.

Dyson, sia l’azienda che l’uomo, non parte con l’idea di creare un prodotto di successo. “Si parte con una svolta tecnologica, che poi ti permette di fare le cose diversamente,” dice. Sviluppare motori elettrici sempre più piccoli e performanti consente a Dyson di creare dispositivi di consumo che consumano meno energia e richiedono meno materie prime. L’aspirapolvere più avanzato dell’azienda, ad esempio, utilizza un decimo dell’energia di un aspirapolvere tradizionale.

“Quando ho iniziato, tutto era meccanico, e si assumevano ingegneri meccanici,” dice Dyson. Oggi, gran parte del lavoro è basato sul software, con ingegneri specializzati in aree come elettronica, software, intelligenza artificiale e persino chimica. Ciò richiede cinque volte il numero di ingegneri e scienziati rispetto a 30 anni fa.

Per colmare il divario e ispirare più giovani a intraprendere l’ingegneria, nel 2017 l’azienda ha lanciato il Dyson Institute of Engineering and Technology, un proprio istituto di istruzione superiore nel campus aziendale a Malmesbury, in Inghilterra. Gli studenti vengono pagati per lavorare a tempo pieno da Dyson e seguono corsi da professori che sono anche professionisti del settore.

Il quaranta percento degli studenti universitari è di sesso femminile “e dovrebbe essere proprio così,” dice Dyson. Crede che i giovani possano essere la chiave per futuri progressi. “Fanno domande ingenue e hanno idee brillanti,” dice. “Non sono appesantiti dall’esperienza. Sono molto più liberi, più aperti, hanno meno da perdere, e fanno suggerimenti e invenzioni interessanti.”

James Dyson sottolinea un concetto fondamentale: mentre molti giovani desiderano ardentemente fare la differenza, spesso manca loro la conoscenza tecnica necessaria per realizzare cambiamenti concreti. L’ingegneria offre gli strumenti per risolvere problemi complessi come la scarsità d’acqua e il consumo energetico, questioni critiche per la nostra sostenibilità futura.

Un altro aspetto importante è l’enfasi di Dyson sulla necessità di diversificare il campo dell’ingegneria, incoraggiando più donne a intraprendere questa carriera. Questo non solo promuove l’uguaglianza di genere, ma arricchisce anche il campo con diverse prospettive e idee innovative.

L’istituto di ingegneria fondato da Dyson rappresenta un modello interessante di istruzione pratica, dove gli studenti possono applicare immediatamente ciò che imparano in contesti reali. Questo approccio può essere molto efficace nel preparare una nuova generazione di ingegneri pronti a risolvere le sfide del mondo reale.

 

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Federico Rivi

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2024 millionaire.it.