Il nostro brand nasce “dal cuore”

0
1453

Sono partiti da un disegno: un cuore pulsante ideato da un amico writer. Da lì è nato il loro marchio di abbigliamento. Untilled (dall’inglese “arido”) è il progetto di tre giovani studenti universitari lombardi, Saul Sala, Davide Santus e Alessandro Roveda.

Hanno iniziato con la produzione di 400 capellini e un centinaio di felpe. Li hanno proposti ad amici e parenti: sono piaciuti. Oggi hanno registrato il marchio, messo su l’azienda e iniziato a vendere i prodotti in e-commerce, sfruttando i social network.

Abbiamo intervistato Saul, 23 anni, laureando in scienze politiche.

Come avete iniziato?

Dopo che Davide ha disegnato il cuore, abbiamo subito capito che poteva funzionare nell’abbigliamento. C’era da costruire l’idea: il cuore arido è un po’ l’immagine dell’Italia: va coltivato, riempito di significato, entusiasmo. Da lì è nato il brand che strizza l’occhio al rap, a uno stile da “strada”. L’abbiamo stampato su qualche cappellino per vedere se piaceva e poi diversificato la produzione».

Come l’avete finanziata?

Siamo in tre e ci siamo autofinanziati: mille euro a testa per partire con la registrazione del marchio e la produzione dei primi prodotti (400 capellini e 100 felpe all’inizio). Poi con i primi guadagni ci siamo chiesti come investirli nella promozione».

1506015_739454059406165_1796187202_n

Come promuovete il marchio?

Siamo partiti da familiari e amici: da loro è scattato il primo passaparola. Oggi lavoriamo su due fronti: 1. Offline, sponsorizzando serate della movida milanese e facendo indossare i nostri capi a qualche personaggio celebre, specie nel mondo rap. E poi social network. Postiamo foto con ragazzi che si divertono e indossano i nostri prodotti, le facciamo girare. Così ci sono arrivati ordini anche dalla Calabria e dalla Sicilia».

E per la vendita?

Stiamo costruendo un sito nostro. Per ora vendiamo su store online (come Big Cartel). Prendiamo l’ordine e spediamo la merce. Il sogno è lanciare uno showroom dove esporre tutti i nostri prodotti. Speriamo di farcela entro breve».

Qual è l’accoglienza del prodotto?

Siamo rientrati in qualche mese nell’investimento. Siamo contenti di come le cose stanno andando finora».

Consigli a chi vuole avere successo nell’abbigliamento?

Dietro un brand ci deve essere un progetto chiaro e solido, con una programmazione precisa. Se investi qualcosa di tuo, devi essere sicuro di farlo bene. Se un progetto è forte, lo realizzi, non c’è crisi che tenga. Poi bisogna rasserenarsi: comunque vadano le cose, stai facendo qualcosa che ti migliorerà come uomo e imprenditore».

INFO: http://untilled.it/

Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here