La mia idea “maledetta” da 2 milioni di fan

10
7578

È il fenomeno social del momento: due milioni di fan e migliaia di condivisioni al giorno.  Io Ti Maledico è l’idea irriverente di Adam Romano, 29enne campano di Torre Annunziata:

Ho pensato a tutte le situazioni in cui vorremmo mandare qualcuno a quel paese: il datore di lavoro che ci stressa, il tizio che si ferma davanti al semaforo con la luce verde, distratto dal suo telefonino, quello che va piano con la sua Panda e non ti fa sorpassare. E soprattutto tutti gli ex che ci hanno reso la vita impossibile. Allora ho creato una pagina dove dare sfogo al cinismo e al sarcasmo degli utenti» spiega Adam a Millionaire

10646867_1537192399848394_2483528952481983669_n

L’idea del gufetto maledetto (simbolo e logo del progetto) in meno di nove mesi ha raggiunto numeri eccezionali. Un successo inaspettato per l’ideatore che è partito da una base di trenta fan iniziali per poi raggiungere il milione (in meno di due anni) senza alcun investimento:

Dopo il milione di fan abbiamo investito in pubblicità su Facebook per aumentare il bacino di utenti e targettizzare ancor di più il nostro pubblico. L’idea ha avuto una diffusione virale per l’originalità e la qualità dei contenuti. Il nostro proposito è “diffondere l’odio con amore”, trasformando un evento spiacevole in un’occasione di divertimento e condivisione».

Adam non è nuovo a imprese di questo tipo. Con il suo socio Alessandro Gargiulo ha creato diverse pagine fan e siti di successo (Quel che non sapevi, su idea di Alessandro, e www.fockemon.it) per un bacino complessivo di oltre 90 milioni di fan:

Abbiamo fondato una social media agency: gestiamo pagine social per aziende e realizziamo nostri contenuti. Il progetti di maggior successo (come Io Ti Maledico) li trasformiamo in brand, registriamo il marchio e prendiamo accordi con aziende per realizzare prodotti. A settembre inizieremo la diffusione di t-shirt, cover per iPhone, cartoline di malaugurio e gadget. Il nostro guadagno deriva in minima parte ai banner sui siti. Vogliamo che la fonte maggiore di entrata sia legata al merchandising».

10312973_1537749049792729_3364302230850139122_n

Come si crea un contenuto virale sui social?

Innanzitutto con molto lavoro: dedico al progetto circa otto ore al giorno (tra creazione di contenuti e gestione della community). La mia tecnica infallibile è di creare un qualcosa che diverta me per primo: se sorrido io, sono quasi certo che piacerà anche ad altri. Insomma, sono io il principale ufficio di censura di “Io Ti Maledico”. Considero i miei fan persone intelligenti e curiose e creo delle frasi che possano interessare e coinvolgere. Ogni giorno tra whatsapp e Facebook parlo con circa 300 persone. Molte di loro mi suggeriscono idee. Se sai come renderli partecipi del progetto, i fan diventano un’incredibile risorsa anche nella fase creativa».

fotoCarlo

Come si struttura un business partendo da una pagina Facebook?

Innanzitutto, non creando una pagina se non si ha un’idea davvero innovativa. Se si confrontano le pagine Facebook italiane con quelle europee (spagnole, tedesche, inglesi) ci si rende conto che la qualità dei contenuti è al di sotto del livello europeo (qualunquismo e bigottismo, la fanno da padrone). L’idea per funzionare deve essere: 1) non vista altrove, copiare è un’attività infruttuosa sui social; 2) definita, che in altre parole significa che l’ideatore deve avere ben in chiaro da dove parte e dove vuole arrivare. 3) avere ben in chiaro qual è il pubblico di riferimento: i meccanismi delle inserzioni su Facebook consentono oggi di targettizzare nei dettagli il tuo pubblico. Se questi tre aspetti viaggiano insieme, è facile che scatti il passaparola: attrai pubblico e soprattutto investitori: è più probabile che investano nell’idea se c’è già un bacino di fan nutrito, pronto ad accogliere i prodotti, una volta lanciati sul mercato».

index

INFO: https://www.facebook.com/IoTiMaledico.it

Giancarlo Donadio

 

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. Non so se vergognarmi di più per Adam o per il giornalista che l’ha intervistato: le battute sono tutte copiate. Basta fare una ricerca su Twitter. Il signor Romano ha attinto a piene mani anche dalla nostra pagina Prugna – Il colore della satira, abbiamo le prove. Alcuni dei nostri autori, come Danilo Galli, Barbara Simona Lecca e Davide Villa sono stati letteramente saccheggiati.
    Questo è furto di proprietà intellettuale. I meriti di Romano sono quelli di aver saputo far crescere molto bene la sua “attività”.

    Suggerisco all’autore Giancarlo Donadio di documentarsi meglio la prossima volta. Cordialità.

  2. Complimenti, a furia di rubare contenuti a man bassa si riesce persino ad arrivare su Milionarie per affermare che sulla rete copiare non paga. Meno d’Arsenio Lupin.

  3. Sopratutto l’ originalità delle battute lascia sconcertati, si mangiasse una Prugna e facesse il suo dovere.
    Poi ci si lamenta dei luoghi comuni.

  4. Complimenti all’autore che ruba un’idea altrui (esisteva già un “io ti maledico”)

    https://twitter.com/IoTiMaledico

    ruba le battute, e trova pure qualcuno che lo intervista e gli dà credito. Il ridicolo pippone sulla “qualità” è veramente comico, visto il pulpito dal quale proviene. Paraculo!

  5. La pagina Io Ti Maledico è una pagina clonata con il metodo uscito nel Novembre del 2013 che sfruttava un bug nei luoghi di Facebook. Cio che è stato fatto è un illecito e viola il regolamento di Facebook in molti aspetti. Oltre a questo i contenuti sono tutti copiati da altri autori e pagine fan presenti su Facebook creando tutti i presupposti per una Violazione di diritti di proprietà intellettuale, come tantissimi utenti hanno denunciato ma non vengono ascoltati da nessuno. Sono arrivate segnalazioni che molti utenti che hanno provato a comunicare con lui riguardo questi aspetti sono stati bannati e censurati. Oltre a questo con il fatto che la pagina è stata clonata è arrivata nelle bacheche di migliaia di persone che non avevano mai messo “Mi piace”, di conseguenza ha violato anche la privacy di parecchie persone. alla pagina Io Ti Maledico Adam Romano in conclusione non ha speso nessun tipo di energia per ottenere questi risultati, l’unico merito è quello di aver creato(forse) il disegno del gufetto, ha solo fatto quello che riesce meglio in questo Paese, rubare e fare i furbi.

  6. Millionaire ogni tanto “scade” dando spazio a storie fasulle e soprattutto senza indagare bene cosa ci sia dietro. Forse ci sono agenzie o “personaggi” che spingono alcune storie piuttosto che altre.
    Io ti Maledico è una grande farsa. Idea stracopiata, contenuti stracopiati, trucchi di vario genere, altro che 300 fan iniziali. Giocando sporco tutti saprebbero diventare campioni. Out!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.